ricerca
avanzata

Bambini e basta. Perché non dobbiamo dimenticare che i grandi siamo noi

di Irene Bernardini edito da Mondadori, 2012

Bambini e basta. Perché non dobbiamo dimenticare che i grandi siamo noi: Questo libro parla di bambini: di bambini "adultizzati", che decidono al posto dei grandi e sono costretti a prendere posizione, schierarsi, "farsi carico" E di adulti "infantilizzati", sempre più insicuri e fragili, che non sono capaci di governare le loro vicende personali (e i loro umori) e scaricano responsabilità e compiti sui figli E poi di bambini partner, bambini capolavori, bambini trofeo, bambini tiranni; bilingui, trilingui, schermidori, danzatori, calciatori, teatranti, cantanti, già vittime dell'"ansia da prestazione" Ma i "bambini e basta", che fine hanno fatto? Sembra che ai giorni nostri stia quasi venendo meno la libertà e il diritto a essere piccoli: a non dover fare troppo, decidere troppo, pensare troppo Attingendo a storie di genitori in crisi ascoltate nel suo studio di psicoterapeuta e mediatrice familiare, ma anche a vicende di amici e conoscenti e, non ultima, alla sua personale storia di madre, Irene Bernardini mostra come sia nell'interesse generale che si ristabiliscano responsabilità e ruolo degli adulti per alleggerire il carico sempre più pesante che grava sulle spalle dei piccoli It gives us the opportunity to pause for a moment to think about them, our children, and finally to see them really for what they are: children need to be taught, supported, content To be accompanied with firmness by the great where do not know go because, in fact, are small and are not able to "accompany" yourself down just fine

Informazioni bibliografiche