ricerca
avanzata

Il Sangue che resta

di Carrell Jennifer L. edito da Rizzoli, 2010

questo libro è il secondo di quesa autrice tuttavia sebbene questi due possiedono la stessa protagonista che riveste il ruolo di un’investigatrice, i due libri non vanno visti uno come il seguito dell’altro pertanto se qualcuno non ha letto il libro "W" non si deve preoccupare e può leggere tranquillamente questo libro. questo romanzo è molto emozionante però richiede almeno delle conoscenze base per poterlo leggere perchè altrimenti non si riesce a capire molto. difatti consiglio assolutamente a chi vuole leggerlo di leggere prima almeno il riassunto della tragedia macbeth di william shakespeare e poi di leggere tale libro. soprattutti però bisognerebbe conoscere le vicende di colui che è morto durante la prima interpretazione del macbeth in quanto la storia procede a capitoli. e cioè il libro è diviso in 3 parti e da un lato procede la storia mentre nei capitoli inziali di tali divisione vengono ricordate le vicende durante la prima rappresentazione di tale tragedia. tuttavia proprio perchè in queste pagine l’autrice non è stata così chiara è meglio documentarsi un attimo. tuttavia la storia nel suo complesso è buona anche se forse troppo confusionata per quanto riguarda l’inserimento dei flashback.

Recensione Unilibro a cura di criminal_profiler

Informazioni bibliografiche

Sono disponibili anche queste edizioni di

Il sangue che resta libro di Carrell Jennifer L.
Il sangue che resta
Carrell Jennifer L.
edizioni RL Libri
Superpocket. Best thriller
, 2011
disponibile 3/5 gg
€ 5,90
 
I Commenti degli Utenti
"Il Sangue che resta"
criminal_profiler, 2012-03-12
4

questo libro è il secondo di quesa autrice tuttavia sebbene questi due possiedono la stessa protagonista che riveste il ruolo di un’investigatrice, i due libri non vanno visti uno come il seguito dell’altro pertanto se qualcuno non ha letto il libro "W" non si deve preoccupare e può leggere tranquillamente questo libro. questo romanzo è molto emozionante però richiede almeno delle conoscenze base per poterlo leggere perchè altrimenti non si riesce a capire molto. difatti consiglio assolutamente a chi vuole leggerlo di leggere prima almeno il riassunto della tragedia macbeth di william shakespeare e poi di leggere tale libro. soprattutti però bisognerebbe conoscere le vicende di colui che è morto durante la prima interpretazione del macbeth in quanto la storia procede a capitoli. e cioè il libro è diviso in 3 parti e da un lato procede la storia mentre nei capitoli inziali di tali divisione vengono ricordate le vicende durante la prima rappresentazione di tale tragedia. tuttavia proprio perchè in queste pagine l’autrice non è stata così chiara è meglio documentarsi un attimo. tuttavia la storia nel suo complesso è buona anche se forse troppo confusionata per quanto riguarda l’inserimento dei flashback.