ricerca
avanzata

Il rapimento di Proserpina. Testo latino a fronte

di Claudio Claudiano edito da Mondadori, 2013

Il rapimento di Proserpina. Testo latino a fronte: La fine del IV secolo dell'era cristiana vede, nella penisola italica, profonde trasformazioni della sensibilità letteraria e religiosa Nel cuore di un impero d'Occidente ormai prossimo alla fine, dove convivono gli idiomi germanici da un lato (lo stesso generale Stilicone, l'uomo allora più potente, era di origini barbare) e la religione cristiana dall'altro, Claudiano, nato in terra greca, legge i classici della letteratura latina e se ne innamora Decide che farà rivivere l'incanto dei versi di Virgilio e di Ovidio, e ci lascia, incompiuto, un poemetto mitologico di una grazia e di una levità artistica senza pari, dedicato a un mito antichissimo, che ha ispirato poeti e pittori di ogni epoca: canta il rapimento della bella Proserpina, dea della primavera, preda del signore dei morti The God of Hades, Pluto, cannot resist the fresh and graceful girl charm, just as the poet who, destined to live in a world now at sunset, underlies the golden age of the Roman malia, giving to posterity a refined and subtle poem: the most worthy epilogue of the great Latin poetry

Informazioni bibliografiche