ricerca
avanzata
La sfida di Kazam libro di Fforde Jasper

 
Descrizione

Jennifer, ormai famosa in tutte le Terre di Drago per essere l'ultima ammazzadraghi, gestisce l'agenzia di maghi Kazam in assenza del suo fondatore, il grande Zambini, condannato da un incantesimo a comparire solo per pochi istanti e in luoghi sempre diversi. Tra le bizze di stregoni egocentrici e le scocciature burocratiche, la vita scorre paradossalmente tranquilla, finché una donna non si presenta con un'insolita richiesta: ritrovare un anello perduto, pervaso di una devastante energia negativa. E proprio mentre Jennifer e il suo sgangherato seguito riescono nell'impresa, il Re in persona dà un solenne annuncio: verrà operata una fusione tra le agenzie iMagic e Kazam, per creare un'unica proprietà alle sue dipendenze. Per impedire l'indesiderata fusione le due agenzie dovranno sfidarsi in una gara di magia! Ma mentre la Kazam già pregusta la vittoria grazie ai poteri dell'anello, il perfido avversarlo dell'iMagic medita di uccidere la famiglia reale e cattura una Quarkbestia, creatura nota per una singolare proprietà: riprodursi da sola, generando un'esplosione di energia annientatrice. Riuscirà Jennifer a fermarla? Età di lettura: da 11 anni.

Vetrina promozione
 
I Commenti degli Utenti
LadyAileen, 29 09 2012
4

La sfida di Kazam è il secondo volume della serie per ragazzi The Last Dragonslayer che vede protagonista Jennifer una ragazza di sedici anni che gestisce La Kazam, la più grande Casa d’Incanti del mondo. Contrariamente a quello che suggerisce la copertina (bella senza dubbio), in realtà la storia è ambientata nel ventunesimo secolo, niente draghi e la magia è una cosa puramente "pratica" (quel poco di magia rimasta serve ad aiutare i comuni mortali per la ricostruzione di abitazioni o impianti elettrici). Nonostante sia un sequel, è un testo godibile anche senza aver letto il precedente. Come per il primo volume, è ancora una volta Jennifer a raccontare la sua storia. La protagonista è un’adolescente coraggiosa, molto simpatica, prende il suo compito con gran serietà ed ha un buon cuore. Ancora una volta, l’autore ha saputo dar vita ad un romanzo leggero, scorrevole, ironico e molto originale (non è il solito fantasy) ma devo confessare che ho preferito il primo volume. Adatto ai ragazzi dagli 11 anni in su.