ricerca
avanzata

Lo spazio figurativo dal Rinascimento al cubismo

di Pierre Francastel edito da Mimesis, 2005

  • Prezzo di Copertina: € 18,00
  • € 16,20
  • Risparmi il 10% (€ 1,80)

Lo spazio figurativo dal Rinascimento al cubismo libro di Francastel Pierre

Non ci sono confini dell’interpretazione dei linguaggi della storia dell’arte. L’utilizzo e la metodologia con cui si rappresenta la spazialità e i vari componenti dello spazio è uno di qui linguaggi con cui si può identificare un’epoca confrontandola con un altra. Francastel intraprende un percorso che segue i ritmi , le tendenze e le mode ,riguardo a questo tema, in più di cinque secoli di storia, con cadenze a volte critiche, sottolineando con fermezza che esistono degli stereotipi di lettura di alcuni artisti e così facendo ci dona una chiave di lettura del tutto nuova che scardina e modifica i nostri insegnamenti liceali. In un continuo rimando e confronto, passa dalla fissità dello spazio attraverso la prospettiva lineare "brunelleschiana", ai plurali spazi illusori dei quadraturisti, sino ad arrivare ai cruciali stili occidentali , quali l’impressionismo ed il cubismo, in cui lo spazio, attraverso l’uso della luce, per i primi, e attraverso l’urgenza di una visione completa delle parti, per i secondi, diventa essenza di modelli estetici che scindono e stravolgono strutture sociali, culturali e rappresentative della storia dell’arte e del nostro approccio storico in generale.

Recensione Unilibro a cura di Alberto Antonio Foresta

Informazioni bibliografiche

  • Titolo del Libro: Lo spazio figurativo dal Rinascimento al cubismo
  • AutorePierre Francastel
  • Editore: Mimesis
  • Collana: Spettri
  • Data di Pubblicazione: 2005
  • Genere: arti
  • ArgomentiArte Storia
  • Pagine: 214
  • Dimensioni mm: 210 x 140 x 18
  • ISBN-10: 8884833027
  • ISBN-13: 9788884833020

Promozione Scopri gli altri articoli della promozione Migliaia di LIBRI in Sconto -10%

 
I Commenti degli Utenti
"Lo spazio figurativo dal Rinascimento al cubismo"
lo spazio figurativo dal rinascimento al cubismo
Alberto Antonio Foresta, 2011-03-04
4

Non ci sono confini dell’interpretazione dei linguaggi della storia dell’arte. L’utilizzo e la metodologia con cui si rappresenta la spazialità e i vari componenti dello spazio è uno di qui linguaggi con cui si può identificare un’epoca confrontandola con un altra. Francastel intraprende un percorso che segue i ritmi , le tendenze e le mode ,riguardo a questo tema, in più di cinque secoli di storia, con cadenze a volte critiche, sottolineando con fermezza che esistono degli stereotipi di lettura di alcuni artisti e così facendo ci dona una chiave di lettura del tutto nuova che scardina e modifica i nostri insegnamenti liceali. In un continuo rimando e confronto, passa dalla fissità dello spazio attraverso la prospettiva lineare "brunelleschiana", ai plurali spazi illusori dei quadraturisti, sino ad arrivare ai cruciali stili occidentali , quali l’impressionismo ed il cubismo, in cui lo spazio, attraverso l’uso della luce, per i primi, e attraverso l’urgenza di una visione completa delle parti, per i secondi, diventa essenza di modelli estetici che scindono e stravolgono strutture sociali, culturali e rappresentative della storia dell’arte e del nostro approccio storico in generale.