ricerca
avanzata

La patria, bene o male. Almanacco essenziale dell'Italia unita (in 150 date)

di Carlo Fruttero Massimo Gramellini edito da Mondadori, 2010

1
4
  • € 18,00
La patria, bene o male. Almanacco essenziale dell'Italia unita (in 150 date) libro di Fruttero Carlo - Gramellini Massimo

 
Descrizione

"Non sembra il caso di suggerire ai nostri lettori di non aspettarsi i grandiosi affreschi di Tucidide o Tacito, di Machiavelli o Gibbon. Tutti sanno che non siamo storici e non avremmo comunque il mestiere e il genio per guardare a tali altezze. Ma da quei maestri una lezione l'abbiamo pur appresa: la Storia obiettiva, la Storia imparziale, la Storia definitivamente veritiera non esiste, può essere soltanto un'aspirazione, una meta intravista e irraggiungibile. Ogni pagina di questo libro è arbitraria e contestabile. Abbiamo scelto 150 giornate a nostro avviso significative, distribuendole equamente fra i quindici decenni dell'Italia Unita. Ma cosa vuol dire significative? Alcune erano obbligatorie, ma molte altre, non senza lunghe discussioni tra di noi, sono state incluse o escluse, con intendimenti ragionevoli e tuttavia opinabili. A ogni capitoletto di questa ormai lunga vicenda abbiamo cercato di dare un taglio narrativo, di partire da un particolare più vivido per evitare ai nostri lettori la triste impressione del grigiore scolastico. Sono 150 racconti contratti, ridotti all'essenziale e dolorosamente privi di infiniti risvolti, sacrifici dettati dalle necessità grafiche del quotidiano torinese "La Stampa" che ha avuto l'idea e che ha pubblicato nei mesi scorsi queste pagine. Il nostro intento era di offrire un'infarinatura di storia d'Italia a tutti coloro che ne hanno perso memoria o non l'hanno mai avuta.

 
I Commenti degli Utenti
"La Patria, bene o male. Almanacco essenziale dell’’Italia unita in 150 date"
Jaimelire, 05 12 2010
4

Poiché la Storia d’Italia e la storia degli italiani non sono la stessa cosa, è un bene che scrittori-giornalisti di vaglia s’impegnino a divulgare la seconda, sia a prezzo di faticose ricerche, sia avvalendosi delle briciole che cadono dalle scrivanie degli studiosi più serii. Opera dunque meritoria - e spero non solo dettata dall’incombere del terzo giubileo dell’ Unità - quella di Fruttero e Gramellini, i quali hanno scelto di strappare lettori al gossip odierno e di guadagnarli alla conoscenza di fatti veri del passato, anche se di apparente modesto rilievo, grazie al loro godibile stile stringato e graffiante (vero è che talvolta la stringa è un cappio e il graffio una sberla!). Complimenti. E facciamone un testo per le scuole da leggere in classe e perfino sui tetti. Anche in memoria di quel miles gloriosus che fu Pasolini.