ricerca
avanzata

(Forse) gli volevo bene

di Miriam Gershow edito da Frassinelli, 2009

  • € 18,50

(Forse) gli volevo bene: Lydia ha sedici anni e vive nell'ombra del fratello maggiore Danny. Lui ha tutto: è bello, atletico, un autentico campione negli sport, di conseguenza popolarissimo a scuola e corteggiato da tutte le ragazze. A Lydia invece piace studiare, passa lunghi pomeriggi a discutere di politica con il suo unico amico ed evita le chiassose feste organizzate dai coetanei. Se ogni tanto rimpiange la facile complicità che li univa da piccoli, a volte vorrebbe solo cancellare Danny dalla sua esistenza. Finché, una sera, lui sparisce davvero. Durante l'anno che segue la scomparsa di Danny Pasternak, i suoi genitori perdono ogni legame con la realtà e si lasciano trascinare dalla disperazione, la cittadina si riempie di mormorii di compiaciuto cordoglio, e Lydia si ritrova al centro di un'indesiderata attenzione, costretta a fare i conti con l'ambiguità dei propri sentimenti: il dolore per la perdita e il ricordo di un fratello a cui (forse) voleva bene. Diventata la celebrità del liceo, dimenticata dai genitori e trascinata nelle ricerche di Danny dall'intrigante investigatore assunto dalla famiglia, Lydia - obbligata a crescere in fretta - lotta per ridefinire se stessa in un mondo che l'assenza di Danny ha irrimediabilmente cambiato. Dieci anni dopo, mentre si prepara a tornare nei luoghi della sua adolescenza, è una Lydia ormai realizzata a ripercorrere quel decisivo momento di passaggio e a restituirlo con struggente intensità, amara ironia e disarmante lucidità.

Informazioni bibliografiche del Libro

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "(Forse) gli volevo bene"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "(Forse) gli volevo bene"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"(Forse) gli volevo bene"
:)
Alessia, 2010-05-23
4

Non l’ho ancora finito, ma sono oltre la metà e devo dire che mi piace molto, anche se ci ho messo un po’ a iniziarlo per bene, perchè all’inizio devo dire che non prende molto, ma poi è veramente bello. Bello il punto di vista, bello il risentimento che piano piano svanisce... bella l’idea :D