ricerca
avanzata

Non è mia figlia

di Sophie Hannah edito da RL Libri, 2011

Non è mia figlia libro di Hannah Sophie

Alice Fancourt è stata lontana solo due ore, eppure non vede l'ora di riabbracciare la sua bambina, Florence, di due settimane. Ma qualcosa non va: la porta di casa è aperta, le stanze avvolte dal silenzio. Alice corre in camera della piccola e con orrore si rende conto che la bambina che dorme nella culla non è sua figlia. Ma dov'è Florence? E come è possibile che David, il marito di Alice, non si sia accorto di nulla? E l'inizio di un incubo. Perché nessuno le crede. Né David né la suocera Vivienne. E mentre David diventa sempre più aggressivo e minaccioso, ad Alice non resta altra scelta che rivolgersi alla polizia. A occuparsi del caso sono la sergente Charlie Zailer e il detective Simon Waterhouse, ma ogni minuto può essere fatale e il tempo scorre. Finché Alice e la neonata improvvisamente spariscono. Nel nulla... Un romanzo ipnotico e originale che incarna le nostre paure più inconfessabili e che esplora i segreti e le bugie che si nascondono dietro vite apparentemente perfette.

Informazioni bibliografiche

Sono disponibili anche queste edizioni

-15%

Non è mia figlia libro di Hannah Sophie
Non è mia figlia
Hannah Sophie
edizioni Garzanti Libri
Narratori moderni
, 2008
disponibile 3/5 gg
€ 18,60
€ 15,90
Non è mia figlia libro di Hannah Sophie
Non è mia figlia
Hannah Sophie
edizioni Garzanti Libri
Elefanti bestseller
, 2009
disponibile 3/5 gg
€ 9,90
 
I Commenti degli Utenti
"Non è mia figlia"
cinzia78, 2012-04-08
4

Libro molto bello, il primo capolavoro della hannah, già si notava il suo grande talento, la sua fantasia nell’inventare trame originali e nel costruirle in modo che il lettore non riesca a indovinare niente fino all’ultima pagina. Libro pieno di sorprese e intrigante dall’inizio. La protagonista trova dentro la culla una bambina che è non la sua, cosi non sembra al marito. La protagonista sta impazzendo? in caso contrario chi ha scambiato la bambina? perchè i marito tratta male la moglie invece di appoggiarla? Cosa si nasconde dietro il mistero? Delineati benissimo tutti i personaggi, ne libro appaiono per la prima volta una serie di poliziotti che ritroveremo poi in tutti i libri successivi dell’autrice. Non amo i personaggi fissi in modo particolare ma i personaggi usciti dalla fantasia di sophie hannah sono fantastici, Simon , in modo particolare, intelligente e astuto nel suo lavoro allo stesso modo che timido e imbranato nella vita privata e nei sentimenti. Un grande successo che non potete perdervi.

"Non è mia figlia"
quandola psiche surclassa l’’azione
Elena, 2011-05-19
4

Un thriller che privilegia la psicologia dei personaggi allo sviluppo delle azioni; più si avanza con la lettura, notiamo che il baricentro della curiosità del lettore si sposta dall’iniziale desiderio di sapere che ne è della bambina scomparsa, alla successiva ricerca dell’omicida e viceversa, sempre con grande attenzione e forte intensità emotiva. Ciò che sta maggiormente a cuore alla scrittrice non sono la ricerca della bambina scomparsa fine a se stessa e neanche l’identificazione dell’assassino, ( questi semmai sono propedeutici al tessuto della trama fino all’esito finale), bensì consegnare al lettore una mappa che lo conduca per mano nel labirinto intricato dei pensieri di Alice e quindi comprendere e vivere in prima persona le angosce e il terrore di una madre fino all’epilogo quando il lettore, arrivato oramai in fondo al labirinto si aspetta di trovare la vera soluzione del dramma, ma qui sta il colpo di scena finale, per nulla scontato, perché la scrittrice termina passando al lettore il testimone, ossia un filo esile e sospeso che lo mantiene “collegato” ad Alice…

"Non è mia figlia"
il chiacchiericcio si è sbagliato
DaniB, 2008-03-04
2

Questo libro è venuto alla ribalta grazie, così dicono, al grande passaparola che c’è stato fra le lettrice che ne sono rimaste incantate. Personalmente fosse stato per me e per il mio di passaparola non sarebbero arrivati a stampare un milione di copie. Il libro è scritto benino, con i giusti ’’salti’’ fra un personaggio e l’altro, l’inizio della storia è molto interessante e originale, se non fosse che durante la lettura l’originalità perde presa e, in alcune parti, persino la credibilità tende a traballare (a mio avviso prime fra tutte le reazioni di lei con i comportamenti sadici del marito). Una cosa che ho notato ultimamente è che spesso gli autori tendono a scrivere troppo-tutto, l’arredamento, il tipo di vestito, il colore della macchina posteggiata davanti casa, e alle volte + che un libro vero e proprio sembra una sceneggiatura, come se + che scrivere un libro sperino di avere un aggancio con qualche regista... Non è un brutto libro, però decisamente non vale i 18 euro che chiede.