ricerca
avanzata

Come Jane Austen mi ha rubato il fidanzato

di Cora Harrison edito da Newton Compton, 2012

Come Jane Austen mi ha rubato il fidanzato: Inghilterra, 1791 Jane Austen e sua cugina Jenny trascorrono le vacanze di primavera a Bath, tra balli di gala, pettegolezzi e sale da tè Jenny ha trovato l'uomo giusto da sposare, l'affascinante e coraggioso capitano Thomas Williams, ma ha bisogno dell'aiuto di Jane per coronare il suo sogno d'amore e superare le resistenze del fratello, il pavido Edward-John, che si rifiuta di acconsentire alle nozze Jane, invece, non ha ancora trovato il principe azzurro: il suo fascino e la sua arguzia, sorprendenti per una quindicenne, attraggono molti pretendenti, anche quelli su cui hanno già messo gli occhi altre ragazze And so, reluctantly, she finds herself at the center of a scandal that could ruin her reputation and put an end to all his hopes to find true love Between history and fiction, lavish ballrooms and glitzy boutiques, Cora Harrison gives us a portrait of Jane Austen as a young girl, in the secret diary of her cousin Jenny

Informazioni bibliografiche

 
I Commenti degli Utenti
"Come Jane Austen mi ha rubato il fidanzato"
LadyAileen, 2012-05-17
4

Se siete appassionate di Jane Austen e delle sue opere, non potete perdervi questo delizioso romanzo che vede protagoniste una giovanissima Jane Austen e la sua amica/cugina Jenny (il punto di vista è di quest’ultima). La storia è sotto forma di diario con l’aggiunta di disegni, poesie, lettere e assaggi della scrittura di Jane Austen. Il romanzo è ambientato a Bath (città tanto cara alla Austen) nel 1791 e a tal proposito l’autrice ha saputo davvero ricreare l’atmosfera di quel periodo e di quel luogo (dettagliate descrizioni ma che non appesantiscono la lettura). Inoltre, altro aspetto interessante è la nota finale in cui l’autrice indica quali parti del romanzo siano inventate e quali siano biografiche. Ho apprezzato entrambe le ragazze protagoniste: Jane viene mostrata come una ragazza arguta, ironica, senza peli sulla lingua e civettuola mentre Jenny è dolce, gentile, tremendamente innamorata e timida. Nella prima parte il ritmo è piuttosto lento per la mancanza d’azione ma la seconda diventa più movimentata e intrigante (non manca l’immancabile mistero da risolvere e il risvolto romantico). Scorrevole, con una caratterizzazione dei personaggi interessante, leggero, divertente e romantico. Un’occasione per immergersi nella società britannica di fine settecento tra balli eleganti, vestiti raffinati, avvenenti gentiluomini e amori giovanili.