ricerca
avanzata
Il cacciatore di aquiloni libro di Hosseini Khaled

  • Informazioni bibliografiche

  • Titolo del Libro: Il cacciatore di aquiloni
  • AutoreKhaled Hosseini
  • Editore: Piemme
  • Data di Pubblicazione: 2004
  • Genere: letterature straniere: testi
  • Pagine: 394
  • Traduttore: Vaj I.
  • Peso gr: 475
  • Dimensioni mm: 210 x 130 x 30
  • ISBN-10: 8838481725
  • ISBN-13: 9788838481727
Sono disponibili anche queste edizioni

-15%

Il cacciatore di aquiloni libro di Hosseini Khaled
Il cacciatore di aquiloni
Hosseini Khaled
€ 13,00
€ 11,05
Il cacciatore di aquiloni libro di Hosseini Khaled
Il cacciatore di aquiloni
Hosseini Khaled
disponibile 3/5 gg
€ 11,90
Il cacciatore di aquiloni libro di Hosseini Khaled
Il cacciatore di aquiloni
Hosseini Khaled
€ 13,20
 
Recensione Unilibro a cura di piccolalettrice91

“Il cacciatore di aquiloni” narra una storia di amicizia attraverso trent’anni di storia afghana. C’è stato un tempo in cui Kabul era una città splendida e attiva, dov’era tradizione in primavera far volare gli aquiloni e i bambini davano loro la caccia. Amir e Hassan, i protagonisti di questo travolgente romanzo, hanno trascorso lì la loro infanzia e formavano una coppia eccezionale nei tornei cittadini di combattimenti tra aquiloni. Niente al mondo, però, può cambiare certi dati di fatto: l’uno pashtun, l’altro hazara; l’uno sunnita, l’altro sciita; l’uno padrone, l’altro servo. Ma ciò non influenzava il loro grande affiatamento, finché un giorno, sotto gli occhi dell’amico, qualcosa accade ad Hassan. A causa di quest’evento l’armonia tra di loro viene infranta. Amir cresce soffrendo in silenzio corroso dal segreto che serba, vigliacco ed incapace ad amare quanto vorrebbe. In seguito, invece, gli aquiloni non volarono più. L’arrivo dei russi a Kabul porta la separazione delle due mezze famiglie: Amir e Baba fuggono in America, mentre Ali e Hassan restano in Afghanistan. Questa è una storia di padri e figli, di amicizia e tradimento, di rimorso e liberazione, di fughe e ritorni sullo sfondo di un Afghanistan schiacciato prima dalla morsa sovietica, poi dai talebani. Ed è Amir, ormai adulto che vive in America, a dover affrontare un viaggio di ritorno nella sua patria, un viaggio dentro di sé, un viaggio di penitenza, un viaggio di riscatto. Combatte con ricordi assordanti e violenti, sensazioni sopite ma mai dimenticate. Nel corso del romanzo si materializzano molteplici personaggi, ognuno con un proprio ruolo ed un proprio mondo interiore. Viene così descritto un vortice di emozioni derivate dalle loro anime, dalle quali si può delineare la loro personalità. Il linguaggio è ricercato, ma anche facile da capire, e fluido, non mancano termini di lingua afghana, alcuni comprensibili solo man mano che si procede con la lettura. Ciò che i personaggi dicono e fanno è descritto con una naturalezza e chiarezza talmente perfetta tanto da far immaginare di vedere un film nel quale si percepisce tutto: dai paesaggi, ai sentimenti, dalle espressioni, ai singoli movimenti. Può essere definito un romanzo di formazione, con uno sfondo autobiografico, perché narra i vari cambiamenti vissuti dal protagonista, riprendendo aspetti della vita, come quelli dell’infanzia, dell’amicizia, della parentela, dell’amore e della riconoscenza dello scrittore adattandoli alla storia. Il narratore esprime i suoi pensieri, le sue paure e le sue preoccupazioni favorendo una lettura molto realistica.

 
I Commenti degli Utenti
Anna Karenina, 10 09 2011
5

Romanzo travolgente,profondamente toccante.Ne consiglio vivamente la lettura!

un libro dal carattere sociologico
mt040287, 23 07 2011
5

uno dei libri più belli che io abbia mai letto.Interessanti gli spunti sulla sociologia della comunicazione, in particolar modo per quel che concerne il ghetto e la situazione degli immigrati, molto spesso esclusi dalla società, senza tenere conto che ognuno di noi può essere un immigrato. Come il caso di Amir e Baba che da un ghetto volontario si ritrovano in un ghetto reale, fatto di immigrati come loro fuggiti dai loro Paesi. Da questo punto di vista si può anche osservare le difficoltà di inserimento di queste persone nelle varie società. ottimo libro che fa sognare, ti permette di volare insieme agli aquiloni.

Il sorriso degli aquiloni
ire.76, 13 10 2010
3

D’impatto, emozionante, pieno di sentimento, questi gli ingredienti che l’autore americano di origine afgana Kaled Hosseini ci regala. Un romanzo pieno di colpi di scena, ricco di descrizioni e di particolari soprattutto su ciò che riguarda due diverse etnie quella del mondo orientale (Pakistan, Afghanistan) e quella del mondo occidentale (Usa). Gli aquiloni simbolo di libertà e spensieratezza accompagneranno l’intera narrazione e permetteranno ai protagonisti di ritornare a sorridere. Un romanzo quindi tutto da scoprire che lascerà un segno nella vostra anima.

il cacciatore di aquiloni
lomy, 08 09 2010
4

La lotta tra gli aquiloni è affascinante, eppure fa male pensare che esistono paesi in cui non volano più perchè i bambini non hanno voglia di giocare, oppressi dal dolore e dai soprusi. Un libro doloroso, commovente, che mette in luce con una sintesi perfetta sentimenti talvolta nobili, talvolta meschini, ma soprattutto pone l’accento sul dolore di una scelta che ti condanna a vita al rimorso!

DolceN£v!a, 18 08 2008
5

Un libro magnifico come pochi...E’ un libro che scuote il cuore e che ti fa apprezzare ciò che ti sta attorno...Ti fa apprezzare la tua infanzia, la tua gioventù..il tuo mondo così tanto diverso dal mondo di Amir e Hassan..Un mondo stracolmo di ingiustizie, strupi e guerre...La guerra ha invaso le pagine di questo libro, la vita di così tanta gente..di Hassan, di Amir e di Baba...solo leggendo queste pagine ho capito qual’è stata la realtà che ha invaso l’Afganistan: una realtà che ancora oggi sopravvive! Grazie Khaled Hosseini per avermi fatto capire qual’è il vero significato dell’amore....

Visualizza tutti i commenti a Il cacciatore di aquiloni