ricerca
avanzata

Notti delle mille e una notte

di Nagib Mahfuz edito da Feltrinelli, 2002

Notti delle mille e una notte libro di Mahfuz Nagib

Informazioni bibliografiche

Sono disponibili anche queste edizioni

Notti delle mille e una notte libro di Mahfuz Nagib
Notti delle mille e una notte
Mahfuz Nagib
edizioni Feltrinelli
I narratori
, 1997
€ 12,91
Notti delle mille e una notte libro di Mahfuz Nagib
Notti delle mille e una notte
Mahfuz Nagib
edizioni Feltrinelli
Universale economica
, 2013
€ 7,50
 
I Commenti degli Utenti
"Notti delle mille e una notte"
orianakarensara, 2011-11-16
3

la fantasia e la maestria dell’autore toccano con questo romanzo le note più alte. mahfuz riprende uno dei classici più classici al mondo e ne fa un "sequel", mantenendo l’incanto e l’esoticità dell’originale, la storia riprende esattamente dalla fine: il matrimonio tra la bella sheherazade e il malvagio sceicco, ora redento. un romanzo da cui non è facile staccarsi, una volta iniziato, affascinante e avvincente fin dalla prima pagina

"Notti delle mille e una notte"
simaun, 2011-10-09
4

Un classico della letteratura mondiale ripreso e rilavorato dal più grande autore arabo premio nobel per la letteratura Nagib Mahfuz. Più che di una rivisitazione si tratta di una vera e propria continuazione dell’opera orientale; la storia inizia esattamente dove terminano "Le mille e una notte": il sultano, dopo aver ascoltato per anni le storie di Sheherazade, decide di sposarla. Una grande gioia esplode tra il popolo, convinto che Sheherazade abbia destato sentimenti di pietà e compassione nel cuore del sultano. Ma la speranza di un futuro di armonia e pace viene prontamente disillusa, il sultano è ancora crudele e spietato, e solo una finale presa di coscienza dopo una serie di scherzi del destino, orditi dai malvagi Ginn, lo porterà a comprendere veramente quale sia il peso del potere. Mahfuz ci racconta una storia affascinante, di magia e incanto, in cui non mancano elementi drammatici e quasi di denuncia verso alcuni tratti della società. Ma in realtà tutta la narrazione è percorsa da una vena ironica, e il ritmo è incalzante e vivace. Il narratore si prende gioco dei suoi personaggi, li schernisce per la loro presunzione e ingenuità, senza mai farlo esplicitamente. Lo scrittore stesso considerò questa come la sua opera più riuscita, l’unione tra due elementi è il fattore di questo successo: la tradizione a cui l’autore si rifà si concilia con i desideri/bisogni contemporanei del pubblico, in una lega valida e pregevole.