ricerca
avanzata

La persecuzione del bambino. Le radici della violenza

di Alice Miller edito da Bollati Boringhieri, 2007

La persecuzione del bambino. Le radici della violenza: Attraverso una rassegna di testi pedagogici degli ultimi due secoli, la Miller illustra i raffinati metodi di persuasione occulta messi in opera nella civiltà occidentale per piegare l'impetuosità e la caparbietà del bambino e indurlo a identificarsi con il progetto educativo dei genitori. Il bambino, costretto a reprimere la propria aggressività, non saprà da adulto reagire alle ingiustizie sociali e potrà accettare senza opporsi le imposizioni di sistemi totalitari. Tratto comune a coloro che hanno subito un'educazione repressiva è la necessità di riempire con esperienze abnormi il vuoto lasciato dalla rimozione emotiva e dalla perdita dell'identità. La Miller rievoca qui le vicende di tre personaggi a diverso titolo esemplari: Adolf Hitler; il criminale degli anni sessanta Jürgen Bartsch, assassino e seviziatore di bambini; Christiane F., autrice del libro "Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino", in cui ha raccontato la propria esperienza dell'emarginazione e della droga. In definitiva, l'educazione costituisce sempre - per la Miller - un mascheramento di reali rapporti di potere e di bisogni propri dei genitori; l'unica possibilità, per il bambino, di crescere senza traumi e di sviluppare le proprie potenzialità creative, rimane legata a un comportamento empatico e "rispettoso" dei genitori nei suoi confronti.

Informazioni bibliografiche del Libro

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "La persecuzione del bambino. Le radici della violenza"

Sono disponibili anche queste edizioni di

-10%

La Persecuzione del bambino. Le radici della violenza libro di Miller Alice
La Persecuzione del bambino. Le radici della violenza
Miller Alice
edizioni Bollati Boringhieri
Universale Bollati Boringhieri-S. scient.
, 2008
disponibile 3/5 gg
€ 19,00
€ 17,10

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "La persecuzione del bambino. Le radici della violenza"