ricerca
avanzata

Oggi siamo vivi

di Emmanuelle Pirotte edito da Nord, 2017

Oggi siamo vivi: «Una magnifica sorpresa» (L'express); «Straordinario, di una bellezza commovente» (Lire). Ci sono momenti nella vita in cui siamo costretti a confrontarci con l'inevitabile. Momenti in cui tutto sembra ormai deciso. Eppure il romanzo di Emmanuelle Pirotte ci ricorda che non è mai troppo tardi per cambiare il nostro destino. Anche nell'ora più buia, basta un'unica, coraggiosa scelta per varcare il confine che separa la vita dalla morte, il bene dal male, l’aguzzino dall'eroe. Basta uno sguardo per sciogliere la neve che portiamo nel cuore. Basta un istante per ritrovare la pace - Dicembre 1944. I tedeschi stanno arrivando. Il prete di Stoumont, nelle Ardenne, ha un'unica preoccupazione: mettere in salvo Renée, un’orfana ebrea nascosta nella canonica. E, d’un tratto, il miracolo: una jeep con a bordo due soldati americani si ferma davanti alla chiesa e lui, di slancio, affida a loro la piccola. Tuttavia quei due soldati hanno solo le divise americane. In realtà si chiamano Hans e Mathias e sono spie naziste. Arrivati in una radura, Hans prende la pistola e spinge la bambina in avanti, in mezzo alla neve. Renée sa che sta per morire, eppure non ha paura. Il suo sguardo va oltre Hans e si appunta su Mathias. È uno sguardo profondo, coraggioso. Lo sguardo di chi ha visto tutto e non teme più nulla. Mathias alza la pistola. E spara. Però è Hans a morire nella neve, con un lampo d’incredulità negli occhi. Davanti a Mathias e Renée c’è solo la guerra, una guerra in cui ormai è impossibile per loro distinguere amici e nemici. E i due cammineranno insieme dentro quella guerra, verso una salvezza che sembra di giorno in giorno più inafferrabile. Incontreranno persone generose e feroci, amorevoli e crudeli. Ma, soprattutto, scopriranno che il loro legame – il legame tra un soldato del Reich e una bambina ebrea – è l’unica cosa che può dar loro la speranza di rimanere vivi…
"A great surprise" (The express); ??Amazing, poignant beauty?? (Lire). There are times in life when we are forced to confront the inevitable. Moments when everything seems to have decided. Yet the novel by Emmanuelle Pirotte reminds us that it's never too late to change our destiny. Even in the darkest hour, just a single, courageous choice to cross the line between life and death, good and evil, the tormentor by the hero. One look is enough to melt the snow that we carry in our hearts. Just a moment to find peace-December 1944. The Germans are coming. The priest of Stoumont, in the Ardennes, has only one concern: saving Ren??e, an orphan hidden Jewish in the rectory. And, suddenly, the miracle: a jeep carrying two u.s. soldiers will stop in front of the Church and he, momentum, entrusts them with the baby. However those two soldiers have only American uniforms. Actually named Hans and Mathias are Nazi spies. Arrived in a clearing, Hans takes the gun and pushes the child forward, in the snow. Ren??e knows he's dying, and yet is not afraid. His gaze goes beyond Hans and turns on Mathias. Is a deep look, courageous. The look of someone who has seen it all and is not afraid of anything anymore. Mathias raises his gun. And shoots. But it is Hans to die in the snow, with a Flash of incredulity in the eyes. In front of Mathias and Ren??e there's war, a war in which it is now impossible for them to distinguish between friend and foe. And the two shall walk together in that war, towards a salvation that seem increasingly elusive. Meet generous people and fierce, loving and cruel. But, especially, will find that their bond ??? the link between a soldier of Reich and a Jewish girl ??? is the only thing that can give them hope to stay alive ...

Informazioni bibliografiche del Libro

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Oggi siamo vivi"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Oggi siamo vivi"