ricerca
avanzata
Il doppio libro di Rank Otto

  • Informazioni bibliografiche

  • Titolo del Libro: Il doppio
  • AutoreOtto Rank
  • Editore: SE
  • Collana: Testi e documenti , Nr. 92
  • Data di Pubblicazione: 2001
  • Genere: letteratura
  • ArgomentiLetteratura Temi
  • Pagine: 118
  • Traduttore: Bellingacci I.
  • Peso gr: 111
  • Dimensioni mm: 225 x 132 x 13
  • ISBN-10: 8877107626
  • ISBN-13: 9788877107626
Sono disponibili anche queste edizioni

Il doppio libro di Rank Otto
Il doppio
Rank Otto
€ 8,40
Il doppio libro di Rank Otto
Il doppio
Rank Otto
€ 14,46
Il doppio libro di Rank Otto
Il doppio
Rank Otto
disponibile 3/5 gg
€ 18,00
 
Descrizione

Il tema del doppio, che Rank trasforma nel punto di partenza per l'indagine psicoanalitica, è un chiaro paradosso. Dopo aver introdotto il tema prendendo a modello un noto film dell'epoca, "Lo studente di Praga", Rank concentra la sua analisi sulla vasta quantità di materiale offerta e tenta di redigerne un catalogo. I numerosi esempi vanno da Hoffmann, Chamisso, Andersen, Lenau, Goethe, Jean Paul, Heine, de Musset, Raimund, Maupassant, Wilde, Kipling ai più famosi "William Wilson" di Poe e "Goliàdkin" di Dostoevskij. All'inizio del XIX secolo questo tema è onnipresente e getta la sua ombra e la sua eco ben oltre la fine del secolo. Le storie incentrate sul doppio hanno tutte alcune caratteristiche strutturali comuni, possono però approdare a esiti diversi. Il soggetto si confronta col suo doppio, l'immagine di se stesso; solitamente, solo il soggetto può vedere il proprio doppio, che gli appare esclusivamente in privato, oppure solo lui può percepirne la presenza. Inoltre il doppio produce due effetti apparentemente contraddittori. Da una parte opera ai danni del soggetto, gli appare nei momenti meno opportuni, lo condanna al fallimento. Dall'altra realizza i suoi desideri più reconditi o rimossi, agisce come il soggetto non oserebbe mai, o come la sua coscienza non gli permetterebbe mai di agire. Se il finale è tragico, il soggetto uccide il proprio doppio ma, uccidendolo, uccide se stesso, non sapendo che la sua reale sostanza e il suo più autentico essere si concentrano in lui.