ricerca
avanzata

Quando parlo con il diavolo

di Gianni Sini edito da SugarCo, 2012

Quando parlo con il diavolo: L'autore, esorcista, affronta qui un argomento molto delicato, che provocherà, forse, scetticismo e sarcasmo in molti Parlare del diavolo è scomodo, perché richiama memorie medievali, in un Terzo Millennio dominato da un pensiero illuministico e materialistico Del diavolo, però, si parla dappertutto: nei salotti televisivi, nei film, nei libri Perché non dovrebbe parlarne un esperto in materia, un sacerdote incaricato dalla Chiesa, in sintesi, un "esorcista"? Non possiamo non porci il problema della presenza del diavolo nel processo rivoluzionario che ha scristianizzato l'Europa e vi ha fatto ritornare anche la magia The question is not just about spiritualism, occultism, Satanism Also behind the errors and horrors of the ideologies and the discouragement and complicity of Catholics we can suspect the temptation and the action of the evil one "The ' human malignancy formed by the demonic, or aroused by his influence, comes to the present day in the form a tempting, seducing the minds and hearts, as well as to lose the very sense of evil and Sin" (from the presentation of Massimo Introvigne)

Informazioni bibliografiche