ricerca
avanzata

Il passaggio di Venere. La nascita della comunità scientifica internazionale attraverso una straordinaria avventura astronomica

di Andrea Wulf edito da Ponte alle Grazie, 2012

Il passaggio di Venere. La nascita della comunità scientifica internazionale attraverso una straordinaria avventura astronomica libro di Wulf Andrea

Recensione Unilibro a cura di rorym87

Venere è il secondo pianeta in ordine di distanza dal Sole(dista da esso 108 milioni di km) ed è il sesto in ordine di grandezza; per molti è il gemello della Terra questo perché il suo diametro è molto simile al nostro (12.103,6 Km) ed anche la massa è quella che, tra tutti i pianeti del Sistema. Molte volte questo pianeta viene confuso con una stella perché, dopo il Sole e la Luna, è l’oggetto più luminoso che c’è in cielo. Questa sua caratteristica è data dalla spessa e densa atmosfera che riflette il 75% della luce che riceve dal Sole e che ai nostri occhi appare come la luce emessa da un astro. Fin dall’antichità la sua luminosità ha richiamato la bellezza in persona ed è così che questo pianeta è stato chiamato "Venere" che nell’epoca greco-romana rappresentava la dea della bellezza. Questo pianeta ha una particolare e divertente caratteristica, infatti a tutte le sue formazioni (monti, valli, solchi, continenti, mari......) sono stati dati nomi femminili che ricordano: dee, donne famose, eroine mitologiche, gigantesse. Il primo astronomo ad osservare il pianeta Venere con un telescopio fu l’italiano Galileo Galilei (1564-1642). Proprio grazie alle osservazioni di questo pianeta si convinse della correttezza del modello copernicano dell’universo: il Sole e’ posizionato al centro del Sistema Solare e i pianeti (tra cui la Terra) ruotano attorno ad esso.

Informazioni bibliografiche