ricerca
avanzata

(LP VINILE) BURZUM/ASKE

Un Lp vinile di BURZUM prodotto da Audioglobe

Premetto che scrivere su Burzum (al secolo Varg Vikernes, visto che si tratta di una one man band) ed essere obiettivi è tutt’altro che semplice. Molto si è detto su questo artista norvegese, spesso per motivi non strettamente musicali (ha speso 16 anni in carcere per omicidio) ma è difficile non riconoscerne le intrinseche qualità musicali. Burzum è il suo disco d’esordio, pubblicato nel 1992, ad appena 19 anni: penso sia fuori discussione affermare che si tratta di uno dei dischi fondamentali per l’evoluzione del black metal; in quest’edizione è presente anche l’EP Aske dalla tristemente famosa copertina riportante la Stavkirke di Fantoft bruciata. Si tratta di un black metal primordiale: al cantato disperato di Vikernes si associa un massiccio uso del sintetizzatore (ottimo per creare atmosfere molto coinvolgenti), un sapiente uso della batteria elettronica e riff particolarmente azzeccati. Ce n’è per tutti i gusti: dalla rock’n’rolleggiante War alla furiosa Feeble Screams from the Forest Unknown alla strumentale Dungeons of Darkness; una recensione a parte meriterebbero i testi: delle vere e proprie perle. In una parola: IMPERDIBILE.

Recensione Unilibro a cura di Vipera

Dettagli del prodotto

 
I Commenti degli Utenti
"(LP VINILE) BURZUM/ASKE "
Vipera, 2012-06-29
4

Premetto che scrivere su Burzum (al secolo Varg Vikernes, visto che si tratta di una one man band) ed essere obiettivi è tutt’altro che semplice. Molto si è detto su questo artista norvegese, spesso per motivi non strettamente musicali (ha speso 16 anni in carcere per omicidio) ma è difficile non riconoscerne le intrinseche qualità musicali. Burzum è il suo disco d’esordio, pubblicato nel 1992, ad appena 19 anni: penso sia fuori discussione affermare che si tratta di uno dei dischi fondamentali per l’evoluzione del black metal; in quest’edizione è presente anche l’EP Aske dalla tristemente famosa copertina riportante la Stavkirke di Fantoft bruciata. Si tratta di un black metal primordiale: al cantato disperato di Vikernes si associa un massiccio uso del sintetizzatore (ottimo per creare atmosfere molto coinvolgenti), un sapiente uso della batteria elettronica e riff particolarmente azzeccati. Ce n’è per tutti i gusti: dalla rock’n’rolleggiante War alla furiosa Feeble Screams from the Forest Unknown alla strumentale Dungeons of Darkness; una recensione a parte meriterebbero i testi: delle vere e proprie perle. In una parola: IMPERDIBILE.