ricerca
avanzata

NOI NON CI SAREMO vol.2

Un cd di C.S.I. prodotto da Blackout, 2001

Secondo ed ultimo capitolo della raccolta di live ed inediti che chiude la carriera del Consorzio Suonatori Indipendenti: dopo pochi mesi dall’uscita del primo volume, entra nei negozi “Noi non ci saremo Vol.2”; stessa copertina, che cambia solo per il diverso colore. Si inizia con il live della profetica “Maledirai” per continuare con la carica punk di “Finestére”, proveniente dal primo album dei C.S.I. del 1993. Tra i pezzi live si segnalano anche l’inedito “Polvere”, dall’atmosfera molto dilatata, e “Vicini”, proveniente da un concerto in Bosnia. Gli inediti in studio sono molto interessanti: “Non torna” segna la fine di questo gruppo storico: scritta da Giovanni Lindo Ferretti durante la separazione dei membri, venne registrata qualche mese dopo. La cover di Robert Wyatt “Chairman Mao”, in cui regna incontrastata la bellissima voce di Ginevra Di Marco, è uno degli episodi più belli dell’intero disco, che si conclude con il brano strumentale della tradizione mongola “Mongolishe”, che veniva proposto come chiusura dell’ultimo tour fatto dai C.S.I. a supporto dell’album “Tabula rasa elettrificata”. Un addio alle scene sentito e sincero, affatto banale e ricco di rarità interessanti per i funs del gruppo.

Recensione Unilibro a cura di -Stefano-

Dettagli del prodotto

 
I Commenti degli Utenti
"NOI NON CI SAREMO vol.2"
-Stefano-, 2012-04-30
5

Secondo ed ultimo capitolo della raccolta di live ed inediti che chiude la carriera del Consorzio Suonatori Indipendenti: dopo pochi mesi dall’uscita del primo volume, entra nei negozi “Noi non ci saremo Vol.2”; stessa copertina, che cambia solo per il diverso colore. Si inizia con il live della profetica “Maledirai” per continuare con la carica punk di “Finestére”, proveniente dal primo album dei C.S.I. del 1993. Tra i pezzi live si segnalano anche l’inedito “Polvere”, dall’atmosfera molto dilatata, e “Vicini”, proveniente da un concerto in Bosnia. Gli inediti in studio sono molto interessanti: “Non torna” segna la fine di questo gruppo storico: scritta da Giovanni Lindo Ferretti durante la separazione dei membri, venne registrata qualche mese dopo. La cover di Robert Wyatt “Chairman Mao”, in cui regna incontrastata la bellissima voce di Ginevra Di Marco, è uno degli episodi più belli dell’intero disco, che si conclude con il brano strumentale della tradizione mongola “Mongolishe”, che veniva proposto come chiusura dell’ultimo tour fatto dai C.S.I. a supporto dell’album “Tabula rasa elettrificata”. Un addio alle scene sentito e sincero, affatto banale e ricco di rarità interessanti per i funs del gruppo.