ricerca
avanzata

GREATEST HITS

Un cd di FOO FIGHTERS prodotto da Sony Music, 2009

GREATEST HITS cd musicale di FOO FIGHTERS
 
Recensione Unilibro a cura di Ocean

Se è vero che le compilation sono un modo piuttosto discutibile per monetizzare il successo di una band, va anche detto che un gruppo come i Foo Fighters, dopo quindici anni e sei dischi ad altissimi livelli, se lo può permettere senza far gridare allo scandalo. Certo, questo Greatest Hits è stato pubblicamente sconfessato dal leader della band Dave Grohl ("sono le canzoni con cui siamo identificati, non necessariamente le nostre migliori, anzi"), ma il quintetto guidato dall’ex Nirvana è sempre un piacere da ascoltare. Per quelle dieci persone che non avessero mai sentito i Foo Fighters (e che, unici al mondo, trarrebbero utilità da questo disco), basti dire che il genere proposto è un arena rock che spinge sull’acceleratore, molto ben suonato ma in sostanza privo di orpelli – per cui in grado di convincere anche in versione acustica, si veda qui il rifacimento del classicone Everlong posto in chiusura. Diciamocela tutta: è complesso giudicare uscite di questo tipo. Le canzoni, giocoforza, sono estremamente valide, ma hanno senso in quanto inserite in un album, non come hits a sé. D’altra parte, non solo il prodotto è estremamente ben confezionato e offre un buono sguardo d’insieme sulla fortunata carriera di Grohl e soci; ma ci si mettono anche due inediti di pregevole fattura (Wheels e World Forward) a spingerci a dire che, tutto sommato, una volta ogni tanto un best of ci può anche piacere. Rimanendo, come è ovvio, dell’idea che una band vada ascoltata nelle sue uscite principali, per non perdere il senso artistico del cd in quanto tale. Questo Greatest Hits è un prodotto da mercatino in cui, incidentalmente, il contenuto è superbo – il voto quindi non può che essere di circostanza. La sufficienza (e pure qualcosa in più) è garantita d’ufficio, ma l’acquisto non è consigliato. Anche perché, credetemi, i dischi dei Foo Fighters sono tutti molto gradevoli (e, quelli sì, valgono la spesa).