ricerca
avanzata

QUINDI?

Un cd di GAZZE'MAX prodotto da Universal Music, 2010

“Quindi?”: l’ultimo disco di inediti di Max Gazzè. Una domanda posta sul libro che Max Gazzè legge nella foto di copertina. In questo album egli ritorna alle atmosfere elettroniche abbandonate ultimamente: nell’iniziale “Io dov’ero (Atmos 5)” (una delle migliori canzoni di sempre di Gazzè, certamente la migliore di questo progetto discografico) recupera la denominazione Atmos che contraddistingueva gli episodi strumentali del suo primo album del 1996. Dopo questa traccia, con un testo fortemente legato al valore fonetico della parole, arriva il secondo singolo “A cuore scalzo”, un classico pezzo pop a cui il cantautore romano ci ha abituati. Degna di nota è anche la conclusiva “DNA (Desossiribonucleico)” in cui gioca ancora una volta con le parole, in questo caso con il linguaggio scientifico della biologia. “Edera” è una filastrocca d’amore impreziosita da una ritmica non così immediata come potrebbe sembrare, mentre il singolo “Mentre dormi” cela una profondità testuale che si coglie solo dopo numerosi ascolti. Notevole anche “Nuovi allineamenti di Stonehenge”. Una piacevole conferma del talento di Gazzè, con qualche spunto che fa presagire un leggero cambiamento di rotta dal punto di vista musicale in futuro.

Recensione Unilibro a cura di -Stefano-

Dettagli del prodotto

 
I Commenti degli Utenti
"QUINDI?"
“Quindi?”
-Stefano-, 2011-10-26
4

“Quindi?”: l’ultimo disco di inediti di Max Gazzè. Una domanda posta sul libro che Max Gazzè legge nella foto di copertina. In questo album egli ritorna alle atmosfere elettroniche abbandonate ultimamente: nell’iniziale “Io dov’ero (Atmos 5)” (una delle migliori canzoni di sempre di Gazzè, certamente la migliore di questo progetto discografico) recupera la denominazione Atmos che contraddistingueva gli episodi strumentali del suo primo album del 1996. Dopo questa traccia, con un testo fortemente legato al valore fonetico della parole, arriva il secondo singolo “A cuore scalzo”, un classico pezzo pop a cui il cantautore romano ci ha abituati. Degna di nota è anche la conclusiva “DNA (Desossiribonucleico)” in cui gioca ancora una volta con le parole, in questo caso con il linguaggio scientifico della biologia. “Edera” è una filastrocca d’amore impreziosita da una ritmica non così immediata come potrebbe sembrare, mentre il singolo “Mentre dormi” cela una profondità testuale che si coglie solo dopo numerosi ascolti. Notevole anche “Nuovi allineamenti di Stonehenge”. Una piacevole conferma del talento di Gazzè, con qualche spunto che fa presagire un leggero cambiamento di rotta dal punto di vista musicale in futuro.