ricerca
avanzata

Winterland

Un cd di Jimi Hendrix prodotto da Import, 2012

Winterland: Winterland

Dettagli del prodotto

  • Titolo: Winterland
  • Interprete:  Jimi Hendrix
  • Produttore: Import
  • Data di Pubblicazione: 29 Maggio '12
  • Genere: Varia
  • EAN-13: 0886979361829
 
I Commenti degli Utenti
"Winterland"
WINTERLAND - The Jimi Hendrix Experience
Dominicus110, 2012-03-01
4

Grazie all’attività della Experience Hendrix, in collaborazione con Legacy Recordings e Sony Music, si sta finalmente rendendo giustizia alle numerose registrazioni discografiche lasciate in eredità da Jimi Hendrix, ordinando il catalogo e ripulendo i suoni con le più moderne tecniche disponibili. Ecco allora che, dopo il cospicuo cofanetto di 4 CD + DVD “West Coast Seattle Boy” pubblicato nel 2010, è disponibile ora questo nuovo box di 4 compact disc che ci consentono di ascoltare le stellari performance del 10, 11 e 12 ottobre 1968 registrate nello storico Winterland Ballroom di San Francisco, con alcune tra le più spettacolari prestazioni di Jimi Hendrix alla chitarra elettrica, accompagnato dai fedeli Noel Redding al basso e Mitch Mitchell alla batteria. Proprio il 12 ottobre, mentre Jimi terminava questi tre giorni consecutivi di concerti, 500.000 copie di “Electric Ladyland”, il suo terzo album ufficiale, venivano spedite agli ansiosi magazzini discografici per poi entrare subito nelle classifiche. Della scaletta di questo doppio 33 giri, definito da Richard Goldstein del Village Voice “un’autostrada musicale”, Jimi offrì agli spettatori in visibilio del Winterland solo un’infuocata versione dal vivo di “Voodoo Child (Slight Return)”, grandiosa anticipazione dell’approccio alla chitarra elettrica e del songwriting che i suoi fan avrebbero potuto ascoltare nel nuovo disco. Tutte le altre registrazioni testimoniano effettivamente la maturità artistica raggiunta da Hendrix, in brani classici come “Foxey Lady”, “Purple Haze”, “Red House”, “Hey Joe”, ma anche nelle emozionanti cover di “Sunshine Of Your Love”dei Cream, di “Killing Floor” del bluesman Howlin’ Wolf e di “Like A Rolling Stone” del menestrello di Duluth Bob Dylan. Da applausi anche “Hear My Train A Comin’” e “Star Spangled Banner”, l’immancabile interpretazione dell’inno americano col suo stile innovativo che combinava fuzz, feedback e distorsioni controllate. In chiusura del quarto dischetto è presenta anche una rara intervista a Hendrix, con sottofondo di chitarra acustica, registrata nel backstage del Boston Garden il 16 novembre 1968. Questa edizione deluxe è completata da un libretto interno di 36 pagine zeppo di immagini inedite nonché di un saggio a firma di David Fricke, il noto giornalista di Rolling Stone. Acquisto davvero consigliato sia agli estimatori del geniale chitarrista di Seattle, che possono arricchire la loro collezione di un altro titolo imperdibile, sia ai più giovani ascoltatori che vogliono comprendere come si suonava il rock alla fine degli anni Sessanta del secolo scorso, e perché Jimi Hendrix è stato per molti chitarristi a venire un’inesauribile fonte d’ispirazione, che ancora oggi, dopo oltre quarant’anni dalla sua prematura morte, gode di un culto che non accenna minimamente ad esaurirsi. Il 27 novembre 1968, un mese e mezzo dopo le esibizioni del Winterland, Jimi festeggiò il suo 26° compleanno: era un musicista giovane, in cerca di continue sperimentazioni e collaborazioni con altri grandi artisti, e certamente non immaginava che due anni dopo i suoi sogni si sarebbero spenti definitivamente a causa di una tragica morte, che ha privato il mondo intero della possibilità di ascoltare la futura direzione artistica che avrebbe caratterizzato la sua tecnica nel suonare la chitarra.