ricerca
avanzata

Il paziente inglese

Un film in dvd di  Minghella Anthony  distribuito da Cecchi gori, 2011

Uno dei film più premiati della storia, un cast spettacolare e una trama avvincente e emozionante. Il paziente inglese è un film d’altri tempi, magnifico e maestoso. La critica talvolta l’ha descritto come sdolcinato, soprattutto nel personaggio di Ralph Fiennes, troppo "romanzesco", perchè la combinazione di coraggio, intelligenza, ricchezza e fascino è riscontrabile solo nei libri. In ogni caso si tratta di un’opera girata con grande maestria, un melodramma dal primo all’ultimo minuto, un intreccio di amore e guerra, i due grandi protagonisti della storia. Tipico del romanzo è invece la modalità di presentazione delle vicende: all’inizio del film vediamo un’infermiera che accudisce un uomo in fin di vita che ha perso la memoria, grazie alle sue cure il paziente poco a poco ricorda, ricostruisce una grande storia d’amore e incontra conoscenze della sua vita passata. Se poniamo le cure dell’infermiera come punto zero, ci verrà descritto nel corso del film il passato del paziente e vicende successive al ricovero, ma l’ordine cronologico, come è intuibile, non è rispettato. Tempi e luoghi si alternano in modo repentino ma mai azzardato, per poi tornare, al termine, al punto zero. Il consiglio è di non farsi ingannare dalla storia d’amore, che potrà non esercitare molto interesse sui più; ma il susseguirsi dei grandiosi e suggestivi paesaggi africani e italiani, delle drammatiche storie di guerra e delle avventure dei personaggi secondari rendono il film avvincente e ritmato. Decisamente appassionante.

Recensione Unilibro a cura di simaun

Dettagli del prodotto

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Il paziente inglese"
simaun, 2011-10-09
4

Uno dei film più premiati della storia, un cast spettacolare e una trama avvincente e emozionante. Il paziente inglese è un film d’altri tempi, magnifico e maestoso. La critica talvolta l’ha descritto come sdolcinato, soprattutto nel personaggio di Ralph Fiennes, troppo "romanzesco", perchè la combinazione di coraggio, intelligenza, ricchezza e fascino è riscontrabile solo nei libri. In ogni caso si tratta di un’opera girata con grande maestria, un melodramma dal primo all’ultimo minuto, un intreccio di amore e guerra, i due grandi protagonisti della storia. Tipico del romanzo è invece la modalità di presentazione delle vicende: all’inizio del film vediamo un’infermiera che accudisce un uomo in fin di vita che ha perso la memoria, grazie alle sue cure il paziente poco a poco ricorda, ricostruisce una grande storia d’amore e incontra conoscenze della sua vita passata. Se poniamo le cure dell’infermiera come punto zero, ci verrà descritto nel corso del film il passato del paziente e vicende successive al ricovero, ma l’ordine cronologico, come è intuibile, non è rispettato. Tempi e luoghi si alternano in modo repentino ma mai azzardato, per poi tornare, al termine, al punto zero. Il consiglio è di non farsi ingannare dalla storia d’amore, che potrà non esercitare molto interesse sui più; ma il susseguirsi dei grandiosi e suggestivi paesaggi africani e italiani, delle drammatiche storie di guerra e delle avventure dei personaggi secondari rendono il film avvincente e ritmato. Decisamente appassionante.