ricerca
avanzata

Non Ci Resta Che Piangere

Un film in dvd di  Troisi Massimo  distribuito da Cecchi gori, 2007

  • Prezzo di Copertina: € 13,99
  • € 12,99
  • Risparmi il 7% (€ 1,00)

“Non ci resta che piangere” è l’unica testimonianza cinematografica della coppia Benigni-Troisi. Diretto dagli stessi due attori, narra di due amici, il bidello Mario (interpretato da Massimo Troisi) e il maestro Saverio (interpretato da Roberto Benigni), che si perdono in una strada sperduta ritrovandosi nel 1492. Tentano così di adeguarsi al Medioevo in cui sono stati catapultati, riuscendoci con risultati non sempre efficaci ma spesso comici, e cercano di impedire la scoperta dell’America. L’inedito duo comico riesce a pieno a soddisfare le aspettative che inevitabilmente si creano di fronte a questi due geni della comicità italiana. L’ilarità è suscitata, nella maggior parte dei 107 minuti della pellicola, dall’evidente disagio in cui si trovano i due protagonisti e dalle situazioni anacronistiche che vengono a crearsi, come quando Mario e Saverio tentano di spiegare ad un confuso Leonardo da Vinci il funzionamento del semaforo e del treno o il concetto di lapsus freudiano. Risulta quindi efficace il meccanismo dell’attesa delusa che si viene a creare in molte scene. Esemplare a tal riguardo è il corteggiamento della donzella Pia (interpretata da Amanda Sandrelli) da parte di Mario che le canta canzoni come “Volare”,”Yesterday” o l’inno di Mameli fingendo di esserne l’autore: l’inaspettata dichiarazione strampalata è uno dei momenti più divertenti del film insieme alla scena del fiorino in cui l’inferiorità psicologica del doganiere fa scattare il meccanismo della comicità. Questa pellicola rappresenta certamente uno spaccato di comicità da manuale, assolutamente un film da vedere.

Recensione Unilibro a cura di -Stefano-

Dettagli del prodotto

Promozione Scopri gli altri articoli della promozione DVD a 12,99 €

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Non Ci Resta Che Piangere"
-Stefano-, 2011-09-28
5

“Non ci resta che piangere” è l’unica testimonianza cinematografica della coppia Benigni-Troisi. Diretto dagli stessi due attori, narra di due amici, il bidello Mario (interpretato da Massimo Troisi) e il maestro Saverio (interpretato da Roberto Benigni), che si perdono in una strada sperduta ritrovandosi nel 1492. Tentano così di adeguarsi al Medioevo in cui sono stati catapultati, riuscendoci con risultati non sempre efficaci ma spesso comici, e cercano di impedire la scoperta dell’America. L’inedito duo comico riesce a pieno a soddisfare le aspettative che inevitabilmente si creano di fronte a questi due geni della comicità italiana. L’ilarità è suscitata, nella maggior parte dei 107 minuti della pellicola, dall’evidente disagio in cui si trovano i due protagonisti e dalle situazioni anacronistiche che vengono a crearsi, come quando Mario e Saverio tentano di spiegare ad un confuso Leonardo da Vinci il funzionamento del semaforo e del treno o il concetto di lapsus freudiano. Risulta quindi efficace il meccanismo dell’attesa delusa che si viene a creare in molte scene. Esemplare a tal riguardo è il corteggiamento della donzella Pia (interpretata da Amanda Sandrelli) da parte di Mario che le canta canzoni come “Volare”,”Yesterday” o l’inno di Mameli fingendo di esserne l’autore: l’inaspettata dichiarazione strampalata è uno dei momenti più divertenti del film insieme alla scena del fiorino in cui l’inferiorità psicologica del doganiere fa scattare il meccanismo della comicità. Questa pellicola rappresenta certamente uno spaccato di comicità da manuale, assolutamente un film da vedere.

"Non Ci Resta Che Piangere"
baberto, 2010-08-22
5

Una cura per la depressione!!!!!!!!!