ricerca
avanzata

Note sulla valutazione probatoria nei secoli XVI e XVII. E-book. Formato PDF

Un ebook di  Cogrossi Cornelia  edito da Narcissus Self Publishing, 2012

La differenzione operata dai “culti” tra “ quaestio facti” e “quaestio iuris” fece emergere la valutazione giudiziale “ ex sententia animi”, secondo il rescritto Adrianeo, e mise totalmente in ombra le “prove legali” escogitate dai “ doctores”. Anche la prova indiziaria fu ritenuta atta a convincere il giudice, mentre si assegnò sempre maggiore importanza al dettato legislativo in merito alla pena da irrogare. Dal canto suo la dottrina italiana era sempre più propensa a porre in rilievo la “ratio legis” ed a negare che fosse possibile operare una “extensio in poenalibus”. Divergenze fra le teorie degli Umanisti e la prassi forense si manifestarono sulla interpretazione della legge, ma per quanto concerneva il “quanto ed il “quale” della prova, entrambi contribuirono a rafforzare il potere di “arbitrium” assegnato ai giudici dei tribunali superiori.

Informazioni bibliografiche

  • Titolo: Note sulla valutazione probatoria nei secoli XVI e XVII. E-book. Formato PDF
  • AutoreCogrossi Cornelia
  • Editore: Narcissus Self Publishing
  • Data di Pubblicazione: 12 Novembre '12
  • Genere: DIRITTO
  • Formato: PDF
  • Protezione: Filigrana digitale
  • ISBN-13: 9788867553310