ricerca
avanzata

I nove comandamenti. E-book. Formato EPUB

Un ebook di  Messina Giovanni  edito da Messina Giovanni, 2013

!Non avrai altro Dio all’infuori di me Quante volte, mossi dall’ira o da profonda delusione, ci è capitato di lasciarci andare ad espressioni esagerate. “Nessuno potrà mai amarti come ti avrei amato io”, abbiamo detto a una donna rimasta non troppo colpita dai nostri sentimenti. Probabilmente lo credevamo veramente. Ciò non toglie che la nostra affermazione si riducesse a un bluff o giù di lì. Nulla sappiamo delle capacità amatorie degli altri, e per quanto le nostre in quel momento ci siano apparse smisurate, in tanti saranno stati capaci di amarla più e meglio di noi. Lo stesso si può dire del primo comandamento: un bluff o qualcosa di simile. Basta ricordare il momento in cui le Tavole della Legge vengono consegnate, per capirlo. Dio vede il suo popolo accingersi a preferirgli un vitello d’oro, e quanto un episodio di questo tipo possa risultare traumatico mi pare evidente. Come una donna che viene lasciata dal suo uomo per una bambola gonfiabile. E Lui l’aveva detto chiaramente di essere un Dio geloso. Ecco allora “non avrai altro Dio all’infuori di me”. Grande la delusione, esagerata la risposta. Non che abbia voluto coscientemente condurre il suo popolo verso una falsa credenza, ma in quel momento gli sarà sembrato che Lui soltanto potesse essere il vero Dio di quella gente. Ora, che Dio sia uno solo è idea alquanto balzana. L’uomo è stato creato a sua immagine e somiglianza. Ma quale somiglianza ci sarebbe con un Dio condannato alla solitudine e che ignora cosa sia la socievolezza? Un Dio solitario avrebbe assegnato il titolo di animale principe del creato all’orso o al rinoceronte nero. Se, invece, i destini del pianeta sono stati affidati all’uomo, che con milioni di suoi simili ama riunirsi in confortevoli agglomerati, come Bombay o Mexico City, significa che anche Dio deve condividere quei valori di socialità. È legittimo supporre che la sua eternità trascorra in una comunità celeste, a stretto contatto con altre divinità, e che con esse mantenga rapporti di scambio e proficua collaborazione. Possiamo immaginare una società di liberi imprenditori, ognuno dei quali si occupa della contabilità delle proprie anime, sistemandole secondo lo statuto dell’impresa. Ugualmente logico supporre che in tale comunità possano di tanto in tanto intervenire diversità di vedute o piccole diatribe, episodi che spiegherebbero di maniera più plausibile quelle guerre di religione che noi vediamo in questo mondo, e che altrimenti non avrebbero alcun senso." Pubblicato nel 2003, il libro è un'originale rilettura dei dieci comandamenti della religione cristiana: Avrai tutti gli dei che vuoi; Non nominare il nome di Dio, e basta!; Ricorda che santa è la festa; Perdona il padre e la madre; Non ammazzare invano; Non commettere atti impuri; Non dire falsa testimonianza?; Desidera liberamente anche la donna d’altri; Non rubare tutto.

Informazioni bibliografiche