ricerca
avanzata

Colti sul Fatto. Nani e pagliacci, muffe e lombrichi di fine regime sul «Fatto Quotidiano». E-book. Formato PDF

Un ebook di  Travaglio Marco  edito da Garzanti Libri, 2010

Marco Travaglio ha iniziato la sua carriera nel " Il Nostro Tempo ", poi con Indro Montanelli prima al " Giornale " quindi alla "Voce". Ha collaborato con diverse testate, tra cui " Sette", "Cuore", " Il Messaggero", " Il Giorno", "L’Indipendente", " Il Borghese", Repubblica", "L’Unità", "MicroMega". Ha collaborato con Michele Santoro alla trasmissione televisiva " Anno Zero", attualmente è vicedirettore ed editorialista de " Il Fatto Quotidiano". E’ autore di innumerevoli pubblicazioni, ricordiamone alcune: " La Repubblica delle Banane ", " Intoccabili", " L’odore dei soldi ", " Mani Sporche", " Italia Anno zero "; " Il Manuale del Perfetto Impunito " " Se li conosci li eviti ", " Per chi suona la banana", " Bavaglio ". " Arrivo al circolo Alpheus di Roma che sono le 18. Chissà se verrà gente, alla prima iniziativa pubblica del " Fatto Quotidiano", contro la legge bavaglio, l’8 luglio 2009...." così inizia Marco Travaglio in questa pubblicazione, narrando di una ragazzina quattordicenne che si è presentata e che vorrebbe contribuire alla nascita del " Fatto Quotidiano". Suo padre, del Pdl, la crede ad una riunione di studenti del centrodestra, ha detto "...fatemi fare qualcosa...". Continua Travaglio...."...l’abbiamo subito arruolata nello staff, ora è lì che fa servizio d’ordine, orgogliosa del suo pass...". Insieme a Cecilia, in quel giorno arrivarono in 4000, quasi tutti giovani,....alla fine chiamo Cecilia sul palco, la sommergono di applausi, è felice..". Come in altre pubblicazioni, ci dice Barbara Spinelli ( che ne ha curato la prefazione ) Marco Travaglio racconta di anni di politica privatizzata, di " bande larghe" ancor più proliferanti di un bombardamento di manipolazioni a tappeto, dell’afonia con cui una intera classe dirigente ha risposto alla cattura della Stato e della realtà che caratterizza la Seconda Repubblica. Per classe dirigente non intendo solo i politici, al governo o all’opposizione ma anche i giornalisti, i sindacati, gli imprenditori e tutti coloro che influenzano la vita degli italiani con il loro operare. Credo, continua la Spinelli, che la forza di Travaglio sia quella di chi considera normale e benefico il conflitto e anormale il compromesso opaco ed occulto che sta dietro a parole come normalità, pacificazione, toni bassi e convergenza. Il libro, di 450 pagine gradevolmente leggibili, consta di innumerevoli capitoli, ne ricordo alcuni: * come nasce un giornale; * Dominique de Villepin e Auguste de Minzolin; * Massimo, tesoro, ma stai poco bene?;* Inchiesta Letta, anzi non letta;* Per la Resistenza siamo al completo;* Chiamate l’ambulanza;* L’Autodidatta;* Agcom basta che funzioni;* Al nano e Mondadori, i lodi al pettine;* Godo Alfano, grazie Umberto;*Ma i politici quando si pentono?;* Mangano e manganello;* Tremonti e mezzo, ma pure quattro;* L’autocomplotto di Littorio Feltri;* Riaperta d’urgenza la Repubblica di Salò;* Fuorionda in casa PD;* Il decoder della Sera;* Rubavo, ma solo un pò;* PD, Partito Domestici; * il giudice breve;* Grandi Riforme: abolire gli elettori;* Tonino Di Pietro, davanti e didietro*Bertoladri;* Bertolao Meravigliao;* Forza MUssolini;* Ratti della Loggia;* Pd di Letta e di governo;* La resurrezione di Lazzarone;* Ballopoli;* Il braccio Violante della Legge;* Geronzocrazie;* Passerotto non andare via;* Berlusck Holmes;* Io intercetto, voi no;* Piercazzeggiando;* Un latrin lover a Sofia;* Demeritocrazia;* Il facta quotidiano;* I fratelli Karamafia;* Il patto della prostata;* La rivespata;* Vomito ergo sum;*Tor Crescenza;* Il Fini giustifica i mezzi;* La provola fumante;* Farepassato;* Passera ( senza accento );* La tragedia di un uomo ridicolo;* Mediashopping;* Minzolingue da Kamasutra;* Come s’offrono;* Il pistolino fumante;* PD Partito Desaparecido;* L’intenditore. Questi alcuni dei capitoli che a me sono parsi più interessanti, tutto il libro peraltro è da " scoprire ", il lavoro che ha fatto l’autore Marco Travaglio è indispensabile e prezioso per meglio comprendere l’Italia di questi ultimi anni. Ottimo il prezzo per un’opera così poliedrica ed interessante.

Recensione Unilibro a cura di pierofranco angeloni
1
4

Informazioni bibliografiche

  • Titolo: Colti sul Fatto. Nani e pagliacci, muffe e lombrichi di fine regime sul «Fatto Quotidiano». E-book. Formato PDF
  • AutoreTravaglio Marco
  • Editore: Garzanti Libri
  • Data di Pubblicazione: 02 Dicembre '10
  • Genere: SCIENZA POLITICA
  • ArgomentoGiornalismo politico
  • Pagine: 449
  • Formato: PDF
  • Protezione: Adobe DRM
    (richiede Adobe Digital Editions)
  • Stampa: Non permesso
  • Copia-e-incolla: Non permesso
  • Condivisione: Permesso limitato a 6 Dispositivi
  • ISBN-13: 9788811132110
 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Colti sul Fatto. Nani e pagliacci, muffe e lombrichi di fine regime sul «Fatto Quotidiano». E-book. Formato PDF"
Come nasce un giornale.
pierofranco angeloni, 2011-09-26
4

Marco Travaglio ha iniziato la sua carriera nel " Il Nostro Tempo ", poi con Indro Montanelli prima al " Giornale " quindi alla "Voce". Ha collaborato con diverse testate, tra cui " Sette", "Cuore", " Il Messaggero", " Il Giorno", "L’Indipendente", " Il Borghese", Repubblica", "L’Unità", "MicroMega". Ha collaborato con Michele Santoro alla trasmissione televisiva " Anno Zero", attualmente è vicedirettore ed editorialista de " Il Fatto Quotidiano". E’ autore di innumerevoli pubblicazioni, ricordiamone alcune: " La Repubblica delle Banane ", " Intoccabili", " L’odore dei soldi ", " Mani Sporche", " Italia Anno zero "; " Il Manuale del Perfetto Impunito " " Se li conosci li eviti ", " Per chi suona la banana", " Bavaglio ". " Arrivo al circolo Alpheus di Roma che sono le 18. Chissà se verrà gente, alla prima iniziativa pubblica del " Fatto Quotidiano", contro la legge bavaglio, l’8 luglio 2009...." così inizia Marco Travaglio in questa pubblicazione, narrando di una ragazzina quattordicenne che si è presentata e che vorrebbe contribuire alla nascita del " Fatto Quotidiano". Suo padre, del Pdl, la crede ad una riunione di studenti del centrodestra, ha detto "...fatemi fare qualcosa...". Continua Travaglio...."...l’abbiamo subito arruolata nello staff, ora è lì che fa servizio d’ordine, orgogliosa del suo pass...". Insieme a Cecilia, in quel giorno arrivarono in 4000, quasi tutti giovani,....alla fine chiamo Cecilia sul palco, la sommergono di applausi, è felice..". Come in altre pubblicazioni, ci dice Barbara Spinelli ( che ne ha curato la prefazione ) Marco Travaglio racconta di anni di politica privatizzata, di " bande larghe" ancor più proliferanti di un bombardamento di manipolazioni a tappeto, dell’afonia con cui una intera classe dirigente ha risposto alla cattura della Stato e della realtà che caratterizza la Seconda Repubblica. Per classe dirigente non intendo solo i politici, al governo o all’opposizione ma anche i giornalisti, i sindacati, gli imprenditori e tutti coloro che influenzano la vita degli italiani con il loro operare. Credo, continua la Spinelli, che la forza di Travaglio sia quella di chi considera normale e benefico il conflitto e anormale il compromesso opaco ed occulto che sta dietro a parole come normalità, pacificazione, toni bassi e convergenza. Il libro, di 450 pagine gradevolmente leggibili, consta di innumerevoli capitoli, ne ricordo alcuni: * come nasce un giornale; * Dominique de Villepin e Auguste de Minzolin; * Massimo, tesoro, ma stai poco bene?;* Inchiesta Letta, anzi non letta;* Per la Resistenza siamo al completo;* Chiamate l’ambulanza;* L’Autodidatta;* Agcom basta che funzioni;* Al nano e Mondadori, i lodi al pettine;* Godo Alfano, grazie Umberto;*Ma i politici quando si pentono?;* Mangano e manganello;* Tremonti e mezzo, ma pure quattro;* L’autocomplotto di Littorio Feltri;* Riaperta d’urgenza la Repubblica di Salò;* Fuorionda in casa PD;* Il decoder della Sera;* Rubavo, ma solo un pò;* PD, Partito Domestici; * il giudice breve;* Grandi Riforme: abolire gli elettori;* Tonino Di Pietro, davanti e didietro*Bertoladri;* Bertolao Meravigliao;* Forza MUssolini;* Ratti della Loggia;* Pd di Letta e di governo;* La resurrezione di Lazzarone;* Ballopoli;* Il braccio Violante della Legge;* Geronzocrazie;* Passerotto non andare via;* Berlusck Holmes;* Io intercetto, voi no;* Piercazzeggiando;* Un latrin lover a Sofia;* Demeritocrazia;* Il facta quotidiano;* I fratelli Karamafia;* Il patto della prostata;* La rivespata;* Vomito ergo sum;*Tor Crescenza;* Il Fini giustifica i mezzi;* La provola fumante;* Farepassato;* Passera ( senza accento );* La tragedia di un uomo ridicolo;* Mediashopping;* Minzolingue da Kamasutra;* Come s’offrono;* Il pistolino fumante;* PD Partito Desaparecido;* L’intenditore. Questi alcuni dei capitoli che a me sono parsi più interessanti, tutto il libro peraltro è da " scoprire ", il lavoro che ha fatto l’autore Marco Travaglio è indispensabile e prezioso per meglio comprendere l’Italia di questi ultimi anni. Ottimo il prezzo per un’opera così poliedrica ed interessante.