ricerca
avanzata

Storia del nostro. E-book. Formato PDF

Un ebook di  Massimo De Feo  edito da Narcissus.me, 2014

Maniglie lucenti e ingressi tirati a pomice banchi di sciamani il sogno ricorrente di perdere le scarpe la montagna girevole il canto del fritto e il lamento del burro rosolato la palude dei sali metallici, il deserto di ruggine l'orrore istintivo e/o atavico verso tutti coloro che hanno pensato storto, che si sono impallinati gli occhi che l'hanno portata tanto per le lunghe da dimenticarsi l'inizio garbugli che svaniscono al sole pantaloni senza zampe di leone falsi cessi nella pampas sconfinata che in realtà nascondono vecchie stazione di passaggio per farsi quattro passi nel tempo e nello spazio di qua e di là “Il romanzo, scritto negli anni 70 Settanta, è un generoso pacco della Croce Rossa esploso nella cabina di pilotaggio di un aereo nel bel mezzo di un vuoto d’aria, un riuscito esercizio di verve zappiana e sovversiva alle prese con l’esplorazione delle pluralità. Un divertente rendiconto di una deriva psicogeografica/ viaggio iniziatico in una Roma cosmica che ha più vie d’uscita di uno scolapasta. Il viaggiatore è una specie di Doppio Apuleio piuttosto freak e piuttosto invaghito della “donna che è il capolavoro di Dio, soprattutto quando ha il diavolo in corpo”. Il suo tragitto va dalla “padella alla brace sino all’eliminazione del cuoco” , ed è scandito da “pani, burroni, martellate, oro, incenso e birra”, golate di Peroni ghiacciate, aperitivi/spuntini apparecchiati con allarmante frequenza e da scavi tra gli avanzi di cibo nella luce spettrale del frigorifero...Paradossi semantici, calambour, eclissi ombelicali e dotti elementi di storia alternativa tra Garibaldi e Castaneda, Philip K. Dick e Paracelso, Rabelais e Cervantes. Strane forme di vita che si nutrono dalle energie scaturite dalle risate e dai dialoghi sconnessi tra due amanti picchiatelli. Un viaggio nell’altrove, dove l’Altrove, a furia di osservazioni ravvicinate, diventa assolutamente e rassicurantemente familiare. Il testo è accompagnato da undici fotografie e diciannove anamorfosi di una lampada in vetro piombato simil Tiffany piene di (im)probabili indizi per aspiranti detective alla Blow Up”. (da una recensione di Matteo Guarnaccia)

Informazioni bibliografiche