ricerca
avanzata

L'origine perduta. E-book. Formato PDF

Un ebook di  Asensi Matilde  edito da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2011

La pur brava Matilde Asensi, brava nel descrivere minuziosamente le situazioni e nel prolungare fino all’esasperazione il tentativo, da parte dei protagonisti di risolvere il mistero contenuto nella lingua perduta, non è purtroppo altrettanto brava nella scelta dello scenario dell’avventura (sito archeologico in Sudamerica) e nella dinamica della storia (la ricerca di un popolo scomparso - gli Yatiris). Sinceramente pur essendo buona la trovata della lingua criptografata che puo’ guarire le maledizioni non è altrettanto buona l’introduzione della tecnologia di hackers professionisti per trovare la chiave solutoria. La rivalità fra i tre hackers e la grande archeologa sa di stantio cosi’ come il tesoro e la riconciliazione finale (l’amore trionfa sempre.....). Leggendo attentamente il libro nel suo evolversi, sembra di assistere ad una ripetizione di "Indiana Jones e il Tempio maledetto" o ancora de "La Mummia". Questo mondo del romanzo pseudostorico-fantastico ha bisogno di una ventata di novita’ altrimenti si rischia di annoiarsi a morte. Buona la ricerca storica dell’autrice ma non è sufficiente per soddisfarsi leggendo il romanzo

Recensione Unilibro a cura di Massimo Bacherini
1
2

Informazioni bibliografiche

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"L'origine perduta. E-book. Formato PDF"
Niente di nuovo
Massimo Bacherini, 2011-11-15
2

La pur brava Matilde Asensi, brava nel descrivere minuziosamente le situazioni e nel prolungare fino all’esasperazione il tentativo, da parte dei protagonisti di risolvere il mistero contenuto nella lingua perduta, non è purtroppo altrettanto brava nella scelta dello scenario dell’avventura (sito archeologico in Sudamerica) e nella dinamica della storia (la ricerca di un popolo scomparso - gli Yatiris). Sinceramente pur essendo buona la trovata della lingua criptografata che puo’ guarire le maledizioni non è altrettanto buona l’introduzione della tecnologia di hackers professionisti per trovare la chiave solutoria. La rivalità fra i tre hackers e la grande archeologa sa di stantio cosi’ come il tesoro e la riconciliazione finale (l’amore trionfa sempre.....). Leggendo attentamente il libro nel suo evolversi, sembra di assistere ad una ripetizione di "Indiana Jones e il Tempio maledetto" o ancora de "La Mummia". Questo mondo del romanzo pseudostorico-fantastico ha bisogno di una ventata di novita’ altrimenti si rischia di annoiarsi a morte. Buona la ricerca storica dell’autrice ma non è sufficiente per soddisfarsi leggendo il romanzo