ricerca
avanzata

Oriana Fallaci intervista sé stessa-L'Apocalisse. E-book. Formato EPUB

Un ebook di  Fallaci Oriana  edito da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2011

Quanto è attuale quella descrizione della Fallaci su questo mondo, su cosa sta accadendo, sull’Apocalisse di tante ideologie. Quanta amarezza in questo libro, l’ultima denuncia di una Fallaci morente, che ha descritto minuziosamente e tragicamente i tanti fallimenti, i troppi ingiustificabili fallimenti a cui assistiamo passivamente. Dovremmo denunciare continuamente gli abusi del potere di quelli che si alzano la mattina e entrano nella stanza dei bottoni e che non sanno, che ignorano che c’è la miseria, la fame, la follia, le donne continuamente abusate, i minori maltrattati. Non è vero che non ci sono le dittature. Ci sono e ne abbiamo dimostrazione ogni momento quando vediamo trionfare popoli che fino all’altro ieri erano sotto il dominio di colonnelli. Ma anche in Italia c’è una dittatura quella di chi in nome del denaro e del proprio tornaconto non ha la FACCIA per farsi da parte e lasciarci crescere in democrazia e sviluppo. Siamo un Paese in ginocchio. Non sono le "vecchie" povertà che ci devono far tremare i polsi ma le "nuove" povertà. Quelle della devastazione delle anime, quelle dell’immoralità, quella delle ragazze che si spogliano per soldi, quelle delle Università che tra un pò non hanno più neanche i banchi, quella dei precari, dei disoccupati. Spero che in molti leggano l’Apocalisse. La Fallaci ha smesso di curarsi per scrivere questo libro.

Recensione Unilibro a cura di alice
1
5

Informazioni bibliografiche

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Oriana Fallaci intervista sé stessa-L'Apocalisse. E-book. Formato EPUB"
commento a l’apocalisse
alice, 2011-10-23
5

Quanto è attuale quella descrizione della Fallaci su questo mondo, su cosa sta accadendo, sull’Apocalisse di tante ideologie. Quanta amarezza in questo libro, l’ultima denuncia di una Fallaci morente, che ha descritto minuziosamente e tragicamente i tanti fallimenti, i troppi ingiustificabili fallimenti a cui assistiamo passivamente. Dovremmo denunciare continuamente gli abusi del potere di quelli che si alzano la mattina e entrano nella stanza dei bottoni e che non sanno, che ignorano che c’è la miseria, la fame, la follia, le donne continuamente abusate, i minori maltrattati. Non è vero che non ci sono le dittature. Ci sono e ne abbiamo dimostrazione ogni momento quando vediamo trionfare popoli che fino all’altro ieri erano sotto il dominio di colonnelli. Ma anche in Italia c’è una dittatura quella di chi in nome del denaro e del proprio tornaconto non ha la FACCIA per farsi da parte e lasciarci crescere in democrazia e sviluppo. Siamo un Paese in ginocchio. Non sono le "vecchie" povertà che ci devono far tremare i polsi ma le "nuove" povertà. Quelle della devastazione delle anime, quelle dell’immoralità, quella delle ragazze che si spogliano per soldi, quelle delle Università che tra un pò non hanno più neanche i banchi, quella dei precari, dei disoccupati. Spero che in molti leggano l’Apocalisse. La Fallaci ha smesso di curarsi per scrivere questo libro.