ricerca
avanzata

Pagine di letteratura araba. E-book. Formato PDF

Un ebook di  Branca Paolo  edito da EDUCatt Università Cattolica, 2014

Il patrimonio letterario espresso in lingua araba è immenso. Dalle prime testimonianze epigrafiche alla produzione moderna in versi e in prosa si spazia lungo un arco di oltre 23 secoli, all’interno di un’area geografica dapprima limitata ad alcune zone della penisola arabica e dei territori limitrofi, ma in seguito dilatatasi in una vastissima area che va dal Marocco all’Iraq, comprendendo tutta la fascia costiera mediterranea dell’Africa, alcuni paesi sub-sahariani e l’intero Medio Oriente. Trattandosi poi della lingua del Corano e di altre importanti fonti della religione islamica, essa è conosciuta a vari livelli anche da molti musulmani non arabofoni: si tratta attualmente di circa 1 miliardo e 300 milioni di persone in totale, delle quali solo circa il 20% sono arabi, mentre tra questi ultimi va ricordato che un 10% all’incirca non sono musulmani e appartengono a varie comunità cristiane che esistevano già da 6 secoli all’atto delle conquiste seguite alla morte di Maometto e che – pur arabizzate nella lingua e nella cultura – sono sopravvissute religiosamente distinte fino ad oggi, pur tra innumerevoli difficoltà. Nel grande impero che venne a costituirsi a partire dalla seconda metà del VII secolo d.C. in poi, la lingua araba ebbe un ruolo e una funzione simili a quelle del latino nel mondo romano: lingua di amministrazione e cultura condivisa anche da altri popoli che venivano progressivamente annessi, senza che tuttavia le lingue di questi ultimi venissero completamente meno: così come il greco non venne mai del tutto soppiantato dal latino, anche il persiano prima e poi il turco, nell’area islamica, hanno non solo mantenuto grande importanza per molti secoli, ma sono rifiorite in epoca più recente ed affermate sia nei confini originari che oltre ad essi. Questo libro non ha l’ambizione di ripercorrere l’intera storia della letteratura araba, né di presentarne tutti gli esponenti. Lo spazio a disposizione e le risorse dell’autore non lo consentirebbero. Si tratta semplicemente di uno strumento didattico che consenta ai lettori che si accostano all’argomento di farsi un’idea delle fasi, dei generi e di alcune personalità rappresentative, soprattutto attraverso i testi che saranno forniti in traduzione. Tratto dall'Introduzione dell'Autore

Informazioni bibliografiche