ricerca
avanzata

La meta-scrittura dell'ultimo Pasolini. Tra «crisi cosmica» e bio-potere. E-book. Formato PDF

Un ebook di  Voza Pasquale  edito da Liguori, 2011

Nell'"Abiura dalla 'Trilogia della vita'" (giugno 1975) Pasolini dichiarava che con l'accamparsi assoluto e totalitario dell'universo moderno del presente erano andati scomparendo, oltre alla sacralità del passato, anche il corpo ("l'ultimo luogo in cui abitava la realtà") e insieme la poesia, che dava voce e vita al corpo. Tale scomparsa aveva comportato sempre più in lui negli ultimi anni una spasmodica tensione meta-scritturale, la pratica cioè di una scrittura che "urla" l'impossibilità della scrittura. Nel momento in cui l'esito colonizzatore del nuovo Potere consumistico sembrava consistere ormai, biopoliticamente, nella "presa della morte sulla vita", e sembrava dare luogo ad una neo-borghesia come "forma razziale" dell'umanità intera, egli allora metteva in scena l'aspirazione a movimenti leggeri, straniati, 'mozartiani': metafora dell'illusione, angosciosamente livida e prometeica, di trasformare la morte in vita artificiale, da "Orgia" a "Porcile" a "Salò" a "Petrolio".

Informazioni bibliografiche

  • Titolo: La meta-scrittura dell'ultimo Pasolini. Tra «crisi cosmica» e bio-potere. E-book. Formato PDF
  • AutoreVoza Pasquale
  • Editore: Liguori
  • Data di Pubblicazione: 27 Settembre '11
  • Genere: LETTERATURA ITALIANA: CRITICA
  • ArgomentoPasolini, Pier Paolo
  • Pagine: 98
  • Formato: PDF
  • Protezione: Adobe DRM
    (richiede Adobe Digital Editions)
  • Stampa: Non permesso
  • Copia-e-incolla: Non permesso
  • Condivisione: Permesso limitato a 6 Dispositivi
  • ISBN-13: 9788820754105