ricerca
avanzata

Il rischio rumore negli ambienti lavorativi . E-book. Formato PDF

Un ebook di  Andrea Rotella Gabriele Campurra  edito da Ipsoa, 2013

Il rumore all’interno degli ambienti di lavoro continua ad essere una delle principali cause di malattie professionali ed alta rimane la percentuale di lavoratori esposti a questo fattore di rischio. In passato ci si adattava al rumore nell'ambiente di lavoro o lo si accettava come un inconveniente inevitabile. Oggi non è più così: ci sono molti mezzi per attenuare il rumore, dentro e fuori gli ambienti di lavoro. E’ necessario tuttavia diffondere la consapevolezza del rischio e la conoscenza dei mezzi di protezione, aggiornando periodicamente le misure preventive. Con il Testo Unico per la sicurezza, D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81, il legislatore ha confermato le prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all'esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dal rumore durante il lavoro. Ora le nuove norme tecniche UNI EN ISO 9612:2011 e UNI 9432:2011 chiariscono alcuni dei punti che la normativa aveva lasciato in sospeso e introducono modalità di rilevazione dei dati e calcoli per la stima dell’errore più complessi che in passato. Il volume (con pratici strumenti di calcolo disponibili su cd rom) è una guida operativa di grande utilità per i tecnici che operano nel settore della sicurezza nei luoghi di lavoro: responsabili e addetti al servizio di prevenzione e protezione, medici competenti, consulenti tecnici, personale degli organi di vigilanza e controllo. Contenuti dell’opera Aspetti normativi della valutazione del rumore Elementi di acustica Strumenti di misura Descrittori di esposizione al rumore Valutazione del rischio rumore Misure tecniche, organizzative e procedurali Dispositivi di protezione individuale per l’udito Esempio di valutazione del rumore Corsi di informazione e formazione Caratteristiche dell’orecchio ed effetti del rumore Ipoacusie Caratteristiche dell’ipoacusia da rumore Effetti extrauditivi del rumore Interazione tra rumore, vibrazioni e sostanze ototossiche La sorveglianza sanitaria e il monitoraggio audiometrico La valutazione medico-legale dell’ipoacusia da rumore Completa l’opera un’Appendice con: Glossario dei termini più ricorrenti con il loro significato Bibliografia. Contenuti del Cd-Rom Foglio di calcolo LIVELLI DI ESPOSIZIONE E INCERTEZZE Attraverso il presente foglio di calcolo è possibile determinare i valori dei livelli di esposizione giornaliera e settimanale e le relative incertezze ad essi associate. Tramite il foglio di lavoro "Strategia per compiti" è possibile calcolare il LEX,8h e l'incertezza estesa ad esso associata. Tramite il foglio di lavoro "Mansioni o giornata intera" è possibile calcolare il LEX,8h e l'incertezza estesa ad esso associata indifferentemente se si sia scelto di adottare la strategia per mansioni o basata su misure eseguite per l'intera giornata. Tramite i tre fogli di lavoro "Bande di ottava", "HML" e "SNR" è possibile determinare l'attenuazione prodotta dai DPI secondo i rispettivi metodi e le indicazioni contenute nella norma UNI EN 458:2005. Foglio di calcolo TRACCIATO AUDIOMETRICO Con il presente foglio di calcolo è possibile effettuare, attraverso l'inserimento dei dati ricavati dall'audiometria , la visualizzazione del tracciato audiometrico e la valutazione di una eventuale ipoacusia, sia secondo il metodo Klochoff - Merluzzi 1979, sia secondo il metodo MPB 2002 (Merluzzi, Pira, Bosio). Viene inoltre visualizzata la metodica valutativa peritale proposta da Albera-Beatrice (1995): si procede al calcolo del deficit medio bilaterale alle frequenze di 500, 1000, 2000, 3000 e 4000 Hertz, ritenendosi configurato un danno uditivo quando tale deficit si pone al di sopra del valore di 25 dB. Modello di Relazione tecnica di misura del rumore in ambiente di lavoro In formato sia doc che pdf, stampabile e compilabile. Modello di scheda diagnostica e valutativa In formato pdf, stampabile e compilabile. D.Lgs. 81/2008 (T.U. Sicurezza sul lavoro. Linee guida per il settore della musica e le attività ricreative.

Informazioni bibliografiche