ricerca
avanzata

Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica

di Eva Cantarella edito da Feltrinelli, 2019

  • Prezzo di Copertina: € 12,00
  • € 10,20
  • Risparmi il 15% (€ 1,80)

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica: Siamo abituati a pensare alla Grecia come alla culla della nostra civiltà: ai greci dobbiamo l'idea di democrazia, la storiografia, la filosofia, la scienza e il teatro. Eppure di questa eredità fa parte anche il modo in cui consideriamo il rapporto tra i generi: un lascito che ha superato i secoli e i millenni con tracce che continuano a pesare sulle nostre vite come macigni. Nella storia antica c'è stato un momento in cui la differenza tra il genere maschile e quello femminile si è trasformata nell'idea che le donne siano inferiori agli uomini e quindi in una serie di inevitabili, pesanti discriminazioni. Tutto comincia con un mito. Esiodo racconta la nascita della prima donna, mandata da Zeus sulla terra come punizione per la colpa commessa da Prometeo: rubare il fuoco agli dèi per donarlo agli uomini, riducendo così la distanza che li separava dagli immortali. Pandora è "un male così bello" da essere un "inganno al quale non si sfugge". Rappresenta un'alterità incomprensibile agli uomini, tanto misteriosa da essere paragonabile solo alla morte. Da lei, dice Esiodo, discende "il genere maledetto, la tribù delle donne". Eva Cantarella illumina alcuni momenti di una vicenda lunghissima, che dal mito giunge ai medici e ai filosofi che hanno fondato il pensiero occidentale. Attraverso le voci di Parmenide, Ippocrate, Platone e Aristotele vediamo come la differenza di genere viene costruita e codificata, fino a diventare un pilastro dell'ordine sociale e della cultura giuridica greca. Scopriamo l'origine delle "convenzioni sociali, delle teorie filosofiche e delle pratiche gi
We are used to thinking of the Greeks as the cradle of our civilization: we owe them the idea of democracy, historiography, philosophy, science and theatre. Yet this heritage is also part of the way we consider the relationship between genders: a legacy that has exceeded centuries and millennia with traces that continue to weigh on our lives like boulders. In our ancient history there was a time when the difference between male and female gender turned into the idea that women are inferior to men and therefore into a series of inevitable, heavy discrimination. It all starts with a myth. Hesiodo recounts the birth of the first woman, sent by Zeus to earth to punish humans for the guilt committed by Prometheus: stealing fire from the gods to give it to men, thus reducing the distance that separated them from the immortals. Pandora is "an evil so beautiful" that it is a "deception that is not escaped". It represents an altercation incomprehensible to men, so mysterious as to be comparable only to death. From her, Says Hesiod, comes "the cursed gender, the tribe of women." Eva Cantarella illuminates some moments of a very long story, which from the myth comes to the doctors and philosophers who founded Western thought. Through the voices of Parmenide, Hippocrates, Plato and Aristotle we see how gender difference is constructed and codified, to the point of becoming a pillar of Greek social order and legal culture. We discover the origin of social conventions, philosophical theories and meadows

Promozione Il libro "Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica" su Unilibro.it è nell'offerta di libri scontati Migliaia di LIBRI in Sconto -15%

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Gli inganni di Pandora. L'origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica"