ricerca
avanzata

Sociologia, politica e religione: la filosofia di Comte per il XIX secolo

di Cristina Cassina edito da Plus, 2001

Il punto di partenza della sua filosofia è la legge dei tre stadi; secondo questa legge ciascuna branca della conoscenza umana passa necessariamente attraverso tre stadi teorici: 1. Stadio teologico (fittizio), Nello stadio teologico, che rappresenta il punto di partenza necessario dell’intelligenza umana, lo spirito umano si dirige verso conoscenze assolute, spiegando i vari fenomeni come dipendenti da agenti paranormali il cui intervento spiegava le apparenti anomalie dell’universo; 2. Stadio metafisico (astratto) nello stadio metafisico, che non è altro che una modificazione del primo e rappresenta un momento di transizione, gli agenti soprannaturali sono sostituiti da forze astratte (si pensi alle essenze) inerenti ai diversi enti del mondo, in grado di generare da sole la totalità dei fenomeni naturali; 3. Stadio positivo (scientifico). da questo stadio transitorio si passa finalmente allo stadio positivo, in cui lo spirito rinuncia ad una conoscenza assoluta o alla conoscenza delle cause intime dei fenomeni, conscio dell’impossibilità di raggiungerla, e si limita allo studio, attraverso ragionamento e osservazione, delle leggi che regolano i fenomeni, per prevederne la comparsa. Comte fa corrispondere ad ogni stadio un’organizzazione politico-sociale (monarchia teocratica e militare; sovranità popolare; organizzazione scientifica della società industriale). Si può inoltre far corrispondere ogni stadio ad una diversa età di un individuo o della società (infanzia; giovinezza; maturità) Comte proponeva quindi di costruire il sistema di filosofia positiva, a cui doveva aderire la specie umana, stabilendo il preciso compito di ciascuna scienza e l’ordine complessivo di tutte le scienze. Tale classificazione andava fatta in base alla semplicità e alla generalità della scienza (che in questo contesto sono sinonimi): in ordine decrescente di generalità, e quindi crescente di complessità; in questo modo si finiva per avere l’ordine con cui queste scienze erano entrate a far parte dello stadio positivo: 1)ASTRONOMIA 2)FISICA 3)CHIMICA 4)BIOLOGIA 5)SOCIOLOGIA.

Recensione Unilibro a cura di Nelly

Informazioni bibliografiche del Libro

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Sociologia, politica e religione: la filosofia di Comte per il XIX secolo"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Sociologia, politica e religione: la filosofia di Comte per il XIX secolo"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Sociologia, politica e religione: la filosofia di Comte per il XIX secolo"
Nelly, 2012-03-30
3

Il punto di partenza della sua filosofia è la legge dei tre stadi; secondo questa legge ciascuna branca della conoscenza umana passa necessariamente attraverso tre stadi teorici: 1. Stadio teologico (fittizio), Nello stadio teologico, che rappresenta il punto di partenza necessario dell’intelligenza umana, lo spirito umano si dirige verso conoscenze assolute, spiegando i vari fenomeni come dipendenti da agenti paranormali il cui intervento spiegava le apparenti anomalie dell’universo; 2. Stadio metafisico (astratto) nello stadio metafisico, che non è altro che una modificazione del primo e rappresenta un momento di transizione, gli agenti soprannaturali sono sostituiti da forze astratte (si pensi alle essenze) inerenti ai diversi enti del mondo, in grado di generare da sole la totalità dei fenomeni naturali; 3. Stadio positivo (scientifico). da questo stadio transitorio si passa finalmente allo stadio positivo, in cui lo spirito rinuncia ad una conoscenza assoluta o alla conoscenza delle cause intime dei fenomeni, conscio dell’impossibilità di raggiungerla, e si limita allo studio, attraverso ragionamento e osservazione, delle leggi che regolano i fenomeni, per prevederne la comparsa. Comte fa corrispondere ad ogni stadio un’organizzazione politico-sociale (monarchia teocratica e militare; sovranità popolare; organizzazione scientifica della società industriale). Si può inoltre far corrispondere ogni stadio ad una diversa età di un individuo o della società (infanzia; giovinezza; maturità) Comte proponeva quindi di costruire il sistema di filosofia positiva, a cui doveva aderire la specie umana, stabilendo il preciso compito di ciascuna scienza e l’ordine complessivo di tutte le scienze. Tale classificazione andava fatta in base alla semplicità e alla generalità della scienza (che in questo contesto sono sinonimi): in ordine decrescente di generalità, e quindi crescente di complessità; in questo modo si finiva per avere l’ordine con cui queste scienze erano entrate a far parte dello stadio positivo: 1)ASTRONOMIA 2)FISICA 3)CHIMICA 4)BIOLOGIA 5)SOCIOLOGIA.