ricerca
avanzata

L'insurrezione di Milano (Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra. Memorie)

di Carlo Cattaneo Meriggi M. (cur.) edito da Feltrinelli, 2011

  • Prezzo di Copertina: € 8,00
  • € 7,20
  • Risparmi il 10% (€ 0,80)

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Questa testimonianza che Carlo Cattaneo ci ha lasciato dei fatti delle cinque giornate di Milano e della guerra che ne è seguita, è sicuramente un documento fondamentale per capire che cosa sia stato il ’48. Di questi fatti l’autore ne è stato in parte protagonista quale membro del consiglio di guerra della città insorta. Dapprima contrario ad una azione di forza in quanto timoroso delle conseguenze di un probabile insuccesso, non esita poi a mettersi in gioco in prima persona, fatto che lo costrinse successivamente a fuggire all’estero. Oltre al racconto sulle varie fasi delle operazioni belliche, è di grande interesse nell’opera lo sfogo del Cattaneo, democratico e federalista che come tanti altri democratici vedeva nella Svizzera e negli Stati Uniti d’America gli esempi da imitare per modernizzare il paese, nei confronti di quella fazione di aristocratici conservatori che di fatto detenevano il potere e sostenevano l’intervento di Carlo Alberto. L’autore mise in guardia gli italiani da simili principi, tutti tesi a difendere prioritariamente i propri interessi personali e di casata, e sopratutto mise in guardia i milanesi dal Savoia, visto dall’autore quale cinico approfittatore di una situazione nata da un autentico movimento di popolo, sollevatosi generosamente per affermare la propria voglia di libertà e di indipendenza.

Recensione Unilibro a cura di Buchwurm

Promozione Il libro "L'insurrezione di Milano (Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra. Memorie)" su Unilibro.it è nell'offerta di libri scontati Migliaia di LIBRI in Sconto -10%

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "L'insurrezione di Milano (Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra. Memorie)"

Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-10%

Ottobre rosso. La Russia verso la rivoluzione che cambiò il mondo libro di Bussoni Mario
Ottobre rosso. La Russia verso la rivoluzione che cambiò il mondo
libro di Bussoni Mario 
edizioni Archivio Storia collana Obiettivi;
consegna in 24 ore
€ 18,00
€ 16,20

-10%

Mosca è libera. La fine dell'ideologia vista da un consigliere dell'ambasciata 1988-1991 libro di Brunetti Fausto
Mosca è libera. La fine dell'ideologia vista da un consigliere dell'ambasciata 1988-1991
libro di Brunetti Fausto 
edizioni Croce Libreria collana Fuori collana;
consegna in 24 ore
€ 18,00
€ 16,20

-55%

La rivoluzione russa e i contadini. Marx e il populismo rivoluzionario libro di Poggio Pierpaolo
La rivoluzione russa e i contadini. Marx e il populismo rivoluzionario
libro di Poggio Pierpaolo 
edizioni Jaca Book collana Storia;
consegna in 24 ore
€ 25,00
€ 11,25

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "L'insurrezione di Milano (Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra. Memorie)"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"L'insurrezione di Milano (Dell'insurrezione di Milano nel 1848 e della successiva guerra. Memorie)"
La testimonianza di Carlo Cattaneo
Buchwurm, 2011-11-07
4

Questa testimonianza che Carlo Cattaneo ci ha lasciato dei fatti delle cinque giornate di Milano e della guerra che ne è seguita, è sicuramente un documento fondamentale per capire che cosa sia stato il ’48. Di questi fatti l’autore ne è stato in parte protagonista quale membro del consiglio di guerra della città insorta. Dapprima contrario ad una azione di forza in quanto timoroso delle conseguenze di un probabile insuccesso, non esita poi a mettersi in gioco in prima persona, fatto che lo costrinse successivamente a fuggire all’estero. Oltre al racconto sulle varie fasi delle operazioni belliche, è di grande interesse nell’opera lo sfogo del Cattaneo, democratico e federalista che come tanti altri democratici vedeva nella Svizzera e negli Stati Uniti d’America gli esempi da imitare per modernizzare il paese, nei confronti di quella fazione di aristocratici conservatori che di fatto detenevano il potere e sostenevano l’intervento di Carlo Alberto. L’autore mise in guardia gli italiani da simili principi, tutti tesi a difendere prioritariamente i propri interessi personali e di casata, e sopratutto mise in guardia i milanesi dal Savoia, visto dall’autore quale cinico approfittatore di una situazione nata da un autentico movimento di popolo, sollevatosi generosamente per affermare la propria voglia di libertà e di indipendenza.