ricerca
avanzata
    1. Libreria
    2.  > 
    3. Libri
    4.  > 
    5. Politica
    6.  > 
    7. Geopolitica
    8.  > 
    9. Un nuovo Medio Oriente? Dall'accordo segreto Sykes-Picot al progetto per un...

Un nuovo Medio Oriente? Dall'accordo segreto Sykes-Picot al progetto per un «nuovo secolo americano»

di Claudio Ciani edito da Mimesis, 2019

  • Prezzo di Copertina: € 12,00
  • € 10,20
  • Risparmi il 15% (€ 1,80)

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Un nuovo Medio Oriente? Dall'accordo segreto Sykes-Picot al progetto per un «nuovo secolo americano»: Sergej Lavrov, ministro degli Affari esteri della Federazione Russa, alla 7ª Conferenza sulla sicurezza internazionale di Mosca, il 4 aprile 2018, ha dichiarato: "Si ha la netta sensazione che gli Stati Uniti stiano cercando di mantenere in questo immenso spazio geopolitico [il Medio Oriente] un caos controllato, con la speranza di poterlo utilizzare per giustificare la propria presenza militare nella regione per un tempo illimitato e per dettarvi la propria agenda." L'idea di fondo è semplice: sostituire agli Stati ereditati dal crollo dell'impero ottomano delle entità più piccole a carattere monoetnico e neutralizzare questi ministati elaborandoli in modo permanente gli uni contro gli altri. In altri termini, si tratta di ritornare al patto condiviso segretamente, nel 1916, dall'impero francese e quello britannico, detto accordo di Sykes-Picot e di consacrare il dominio e la sovranità totale degli anglosassoni sulla regione. Ma per definire nuovi Stati, ancora inesistenti, bisogna distruggere quelli che esistono. Questo libro intende illustrare i progetti che si sono succeduti, fino ai giorni nostri, per rendere operativo questo disegno politico nel quadrante mediorientale. Prefazione di Giancarlo Elia Valori.
Sergei Lavrov, Minister of Foreign Affairs of the Russian Federation, at the 7th Conference on International Security in Moscow on 4 April 2018, said: "There is a distinct feeling that the United States is trying to keep this immense space geopolitically [the Middle East] controlled chaos, with the hope that it could be used to justify its military presence in the region indefinitely and to dictate its own agenda." The basic idea is simple: replace the states inherited from the collapse of the Ottoman Empire of the smaller single-ethnic entities and neutralize these mini-states by permanently processing them against each other. In other words, it is a question of returning to the pact secretly shared, in 1916, by the French and british Empire, called the Sykes-Picot Agreement, and of consecration of the domination and total sovereignty of the Anglo-Saxons over the region. But to define new states, which do not yet exist, we must destroy those that exist. This book aims to illustrate the projects that have taken place, up to the present day, to make this political design operational in the Middle East quadrant. Foreword by Giancarlo Elia Valori.

Promozione Il libro "Un nuovo Medio Oriente? Dall'accordo segreto Sykes-Picot al progetto per un «nuovo secolo americano»" su Unilibro.it è nell'offerta di libri scontati Migliaia di LIBRI in Sconto -15%

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Un nuovo Medio Oriente? Dall'accordo segreto Sykes-Picot al progetto per un «nuovo secolo americano»"

Dello stesso autore: Ciani Claudio
Leo Strauss lettore di Hobbes. Crisi della modernità e critica della religione libro di Ciani Claudio
Leo Strauss lettore di Hobbes. Crisi della modernità e critica della religione
libro di Ciani Claudio 
edizioni Nuova Cultura collana Passato e presente;
€ 16,00
Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-15%

Assedio all'Occidente. Leader, strategie e pericoli della seconda guerra fredda libro di Molinari Maurizio
Assedio all'Occidente. Leader, strategie e pericoli della seconda guerra fredda
libro di Molinari Maurizio 
edizioni La nave di Teseo collana I fari;
disponibilità immediata
€ 18,00
€ 15,30

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Un nuovo Medio Oriente? Dall'accordo segreto Sykes-Picot al progetto per un «nuovo secolo americano»"