ricerca
avanzata

Donne, violenza e diritto internazionale. La Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa del 2011

di De Vido Sara edito da Mimesis, 2016

  • Prezzo di Copertina: € 22,00
  • € 20,90
  • Risparmi il 5% (€ 1,10)

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Donne, violenza e diritto internazionale. La Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa del 2011: Il volume "Donne, Violenza e Diritto internazionale. La Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa del 2011" è una analisi di diritto internazionale della recente Convenzione, entrata in vigore nel 2014, sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica conclusa nel quadro del Consiglio d'Europa. Lo studio si articola in tre capitoli. Il primo è volto a scomporre, dal punto di vista giuridico, la nozione di violenza contro le donne, cercando di cogliere la portata di un grave fenomeno sociale, che affligge tutte le società e tutte le epoche. Due forme di violenza, segnatamente lo stupro e la violenza domestica, sono affrontate dal punto di vista del divieto di tortura, trattamento inumano o degradante. Il secondo analizza nel dettaglio la Convenzione, mettendone in luce gli elementi di innovatività, in particolare con riferimento agli obblighi in capo agli Stati parte e al diritto sostanziale. Il terzo capitolo evidenzia, da un lato, le potenzialità della Convenzione, aperta alla ratifica anche dell'Unione europea e degli Stati non membri del Consiglio d'Europa, nonché futuro modello per ulteriori strumenti giuridici internazionali sulla lotta alla violenza contro le donne; dall'altro lato, enfatizza i 'silenzi' della stessa, con riguardo alla prostituzione, alla violenza nel mondo digitale, alla specifica situazione di vulnerabilità delle donne in carcere. Prefazione di Luisella Pavan-Woolfe.
The book "women, violence and international law. The Istanbul Convention of the Council of Europe of 2011 "is an analysis of international law of the recent Convention, which entered into force in 2014, on preventing and combating violence against women and domestic violence concluded within the framework of the Council of Europe. The study is divided into three chapters. The first aims to break down, from a legal point of view, the concept of violence against women, trying to grasp the magnitude of a serious social phenomenon, affecting all societies and all eras. Two forms of violence, particularly rape and domestic violence are addressed from the perspective of the prohibition of torture, inhuman or degrading treatment. The second analyzes in detail the Convention, highlighting the elements of innovation, especially with reference to the obligations for States parties and the substantive law. The third chapter shows, on the one hand, the potential of the Convention, also open to ratification of the European Union and non-Member States of the Council of Europe and the future model for additional international legal instruments on combating violence against women; on the other hand, emphasizes the ' silence ' of the same, with regard to prostitution, violence in the digital world, the specific vulnerable situation of women in prison. Foreword by Luisella Pavan-Woolfe.

Promozione Il libro "Donne, violenza e diritto internazionale. La Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa del 2011" su Unilibro.it è nell'offerta di libri scontati Tantissimi libri in promozione sconto

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Donne, violenza e diritto internazionale. La Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa del 2011"

Dello stesso autore: De Vido Sara
Il contrasto del finanziamento al terrorismo internazionale. Profili di diritto internazionale e dell'unione Europea libro di De Vido Sara
Il contrasto del finanziamento al terrorismo internazionale. Profili di diritto internazionale e dell'unione Europea
libro di De Vido Sara 
edizioni CEDAM collana Univ. Ca Foscari-Dipartimento economia;
€ 43,50

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Donne, violenza e diritto internazionale. La Convenzione di Istanbul del Consiglio d'Europa del 2011"