ricerca
avanzata

Erosi dai media. Le trappole dell'ipersessualizzazione moderna

Un libro edito da San Paolo Edizioni, 2011

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Erosi dai media. Le trappole dell'ipersessualizzazione moderna: L'allusione sessuale è ovunque, il corpo è visto sempre più come oggetto sessuale, la pornografa è facilmente accessibile. Su internet, tv, cellulari, riviste e pubblicità, la sessualità inscenata è trasgressiva, svincolata dal rapporto d'amore, inappropriata per il pubblico dei più vulnerabili, soprattutto dei minori. Quali e quanti sono i pericoli nascosti nell'ipersessualizzazione proveniente dalla cultura dominante? Depressioni e ansia, sessismo, impoverimento delle risorse personali e della qualità delle relazioni, nuove dipendenze, assunzione irresponsabile di farmaci, brutalità e perversioni, fino all'abuso sui minori. La cultura diffusa riconosce la posizione centrale della sessualità nella formazione e nelle dinamiche dello psichismo umano. Perché, allora, chi si occupa di educazione, salute personale e sicurezza sociale non si preoccupa quasi per niente, o almeno non esercita alcun potere, per prevenire, limitare, contenere e gestire l'iperstimolazione sessuale e l'oggettificazione della persona? Perché l'intera industria mediatica sembra inondare indisturbata il mondo dei bambini e la società tutta con quel genere di materiale? Un libro che pone quesiti e tenta di elaborare risposte adeguate.
The sexual innuendo is everywhere, the body is seen increasingly as a sexual object, me, honey is easily accessible. On the internet, tv, cell phones, magazines and advertising, sexuality staged is transgressive, released from the loving relationship, inappropriate for the public of the most vulnerable, especially children. Which and how many are hidden dangers in hyper-sexualisation coming from the dominant culture? Depression and anxiety, sexism, personal resources and the quality of relationships, new dependencies, irresponsible drug intake, brutality and perversions, up to child abuse. The widespread culture recognizes the location of sexuality in the formation and in the dynamics of the human psychism. Why, then, did anyone involved in education, health and social security doesn't bother almost for nothing, or at least has no power to prevent, limit, contain and manage sexual overstimulation and the objectification of the person? Because the entire media industry seems inundated undisturbed world of children and society as a whole with that kind of material? A book that poses questions and try to develop appropriate responses.

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Erosi dai media. Le trappole dell'ipersessualizzazione moderna"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Erosi dai media. Le trappole dell'ipersessualizzazione moderna"