ricerca
avanzata

Filàntropi di ventura. Rischio, responsabilità, riflessività nell'agire filantropico

di Gemelli G. (cur.) edito da Baskerville, 2004

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Il programma scolastico è basato su: lingua tedesca,filosofia,storia geografia,fisica sperimentale,scienze naturali,igiene,anatomia, e ancora scherma, ballo, equitazione, lavoro manuale solo dopo si arriva alla grammatica e la geografia è insegnata in aperta campagna, invece per la matematica e la gepmetria vengono usati modelli costruiti in cartone. Il philanthropinum di Dessau accoglie ragazzi benestanti dai 6 ai 12 anni. Nel 1784 Salzmann inizia una nuova istituzione filantropica dopo aver abbandonato quella di Dessau perché mancante di caratteri familiari. Qui si serve delle idee di Rousseau perché sostiene che per educare i ragazzi è necessario isolarli dalla società corrotta e portarli in campagna a contatto con la natura. Inoltre Salzmann vuole un educatore sereno ed equilibrato, che sia in possesso di un buon metodo di lavoro capace di coinvolgere anche le famiglie nell’educazione. Il nome Philanthropinum ricorda i punti centrali del programma educativo che sono: favorire la tendenza di giovani alla tolleranza verso gli altri,alla comprensione e all’amore verso tutti.

Recensione Unilibro a cura di Seby

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Filàntropi di ventura. Rischio, responsabilità, riflessività nell'agire filantropico"

Dello stesso autore: Gemelli G. (cur.)
Giving. Thematic issues in philantropy and social innovation (2012). Nuova serie. Vol. 2: Filantropia e giustizia sociale libro di Gemelli G. (cur.)
Giving. Thematic issues in philantropy and social innovation (2012). Nuova serie. Vol. 2: Filantropia e giustizia sociale
libro di Gemelli G. (cur.) 
edizioni Bononia University Press collana Rivista Giving;
€ 35,00
Nuove scienze per l'amministrazione. Le origini della Spisa tra innovazione istituzionale e normalizzazione accademica libro di Gemelli G. (cur.)
Nuove scienze per l'amministrazione. Le origini della Spisa tra innovazione istituzionale e normalizzazione accademica
libro di Gemelli G. (cur.) 
edizioni Bononia University Press collana Fuori collana;
€ 35,00
Fondazioni universitarie. Radici storiche e configurazioni istituzionali libro di Gemelli G. (cur.)
Fondazioni universitarie. Radici storiche e configurazioni istituzionali
libro di Gemelli G. (cur.) 
edizioni Baskerville collana UniPress;
€ 18,00
Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-5%

Clown, bombe e girasoli. Il volontariato nelle zone di guerra diventa una storia di amicizia e di vita libro di Ongaro Francesco Dell'Acqua Luisa
Clown, bombe e girasoli. Il volontariato nelle zone di guerra diventa una storia di amicizia e di vita
libro di Ongaro Francesco  Dell'Acqua Luisa 
edizioni La Meridiana collana Passaggi;
disponibilità immediata
€ 10,33
€ 9,82
La tenerezza si fa vita libro di Associazione di volontariato Iniziativa Amica (cur.)
La tenerezza si fa vita
libro di Associazione di volontariato Iniziativa Amica (cur.) 
edizioni Battagin
disponibilità immediata
€ 9,50

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Filàntropi di ventura. Rischio, responsabilità, riflessività nell'agire filantropico"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Filàntropi di ventura. Rischio, responsabilità, riflessività nell'agire filantropico"
rorym87, 2012-03-14
3

In pedagogia per filantropinismo si intende un modo illuministico di impostare il problema dell’educazione e, anche l’insieme di esperienze educative e didattiche promosse nella seconda metà del 18°sec. Il nome Philanthropinum richiama ai punti centrali del programma educativo che sono: favorire la tendenza di giovani alla tolleranza,alla comprensione e all’amore verso tutti senza distinzione sociale. L’educatore stesso è concepito come filantropo cioè un’amico dell’umanità, che si propone la felicità dell’individuo e della società come scopo dell’educazione. Da un punto di vista pedagogico gli educatori filantropi assumono alcune caratteristiche di Rousseau come: Bontà originaria dell’uomo;necessità di seguire la natura e importanza data all’infanzia. Nel 1774 viene aperto a Dessau il primo “Philathropinum” e ne promuove la fondazione Basedow (1724-1790). Quest’ultimo propone l’istituzione di un collegio di stato composto di colti che si occupano dell’alta vigilanza sull’educazione, le scuole,le scienze ecc… La mentalità filantropica però non riesce a superare la concezione classica dell’educazione. Nelle “Proposte” sono delineate due categorie di scuole: le grandi scuole per gli artigianati e i contadini,e le piccole scuole per i nobili e i borghesi.

"Filàntropi di ventura. Rischio, responsabilità, riflessività nell'agire filantropico"
Seby, 2012-03-14
3

Il programma scolastico è basato su: lingua tedesca,filosofia,storia geografia,fisica sperimentale,scienze naturali,igiene,anatomia, e ancora scherma, ballo, equitazione, lavoro manuale solo dopo si arriva alla grammatica e la geografia è insegnata in aperta campagna, invece per la matematica e la gepmetria vengono usati modelli costruiti in cartone. Il philanthropinum di Dessau accoglie ragazzi benestanti dai 6 ai 12 anni. Nel 1784 Salzmann inizia una nuova istituzione filantropica dopo aver abbandonato quella di Dessau perché mancante di caratteri familiari. Qui si serve delle idee di Rousseau perché sostiene che per educare i ragazzi è necessario isolarli dalla società corrotta e portarli in campagna a contatto con la natura. Inoltre Salzmann vuole un educatore sereno ed equilibrato, che sia in possesso di un buon metodo di lavoro capace di coinvolgere anche le famiglie nell’educazione. Il nome Philanthropinum ricorda i punti centrali del programma educativo che sono: favorire la tendenza di giovani alla tolleranza verso gli altri,alla comprensione e all’amore verso tutti.