ricerca
avanzata

La solitudine dei numeri primi

di Paolo Giordano edito da Mondadori, 2016

Informazioni bibliografiche del Libro

 

La solitudine dei numeri primi: Alice è una bambina obbligata dal padre a frequentare la scuola di sci. E una mattina di nebbia fitta, lei non ha voglia, il latte della colazione le pesa sullo stomaco. Persa nella nebbia, staccata dai compagni, se la fa addosso. Umiliata, cerca di scendere, ma finisce fuori pista spezzandosi una gamba. Resta sola, incapace di muoversi, al fondo di un canale innevato, a domandarsi se i lupi ci sono anche in inverno. Mattia è un bambino molto intelligente, ma ha una gemella, Michela, ritardata. La presenza di Michela umilia Mattia di fronte ai suoi coetanei e per questo, la prima volta che un compagno di classe li invita entrambi alla sua festa, Mattia abbandona Michela nel parco, con la promessa che tornerà presto da lei. Questi due episodi iniziali, con le loro conseguenze irreversibili, saranno il marchio impresso a fuoco nelle vite di Alice e Mattia, adolescenti, giovani e infine adulti. Le loro esistenze si incroceranno, e si scopriranno strettamente uniti, eppure invincibilmente divisi. Come quei numeri speciali, che i matematici chiamano "primi gemelli": due numeri primi vicini ma mai abbastanza per toccarsi davvero. Un romanzo d'esordio che alterna momenti di durezza e spietata tensione a scene rarefatte e di trattenuta emozione, di sconsolata tenerezza e di tenace speranza. Edizione con cofanetto.
Alice was a little girl forced by her father to attend school. Is one morning dense fog, she does not want, the breakfast milk weighs on the stomach. Lost in the fog, detached from the companions, if his pants. Humiliated, he tries to get off, but ended up off the track broke a leg. Left alone, unable to move, to the bottom of a snow covered channel, to wonder if the wolves are there even in winter. Mattia is a very intelligent child, but has a twin, Michela, delayed. The presence of Michela humiliates in front of his peers and for this, the first time a classmate invites them both to his party, Mattia abandons Michela in the Park, with the promise that he will return soon to her. These two initial episodes, with their branded logo will have irreversible consequences in the lives of Alice and Mattia, adolescents, young and then adults. Their lives will cross, and you will discover closely United, yet irreparably divided. How those special numbers which mathematicians call "twin primes": two neighboring primes but never quite touched really. A debut novel that alternates moments of toughness and ruthless rarefied scenes and restraint voltage emotion, disconsolate tenderness and tenacious hope. Edition with slipcase.

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "La solitudine dei numeri primi"

Dello stesso autore: Giordano Paolo

-10%

Divorare il cielo letto da Alba Rohrwacher libro di Giordano Paolo
Divorare il cielo letto da Alba Rohrwacher
libro di Giordano Paolo 
edizioni Emons Edizioni collana Bestsellers;
normalemente disponibile 3/5 gg
€ 16,90
€ 15,21
La solitudine dei numeri primi libro di Giordano Paolo
La solitudine dei numeri primi
libro di Giordano Paolo 
edizioni Mondadori collana Scrittori italiani e stranieri;
normalemente disponibile 3/5 gg
€ 18,00
Divorare il cielo libro di Giordano Paolo
Divorare il cielo
libro di Giordano Paolo 
edizioni Einaudi collana Supercoralli;
normalemente disponibile 3/5 gg
€ 22,00
Il nero e l'argento libro di Giordano Paolo
Il nero e l'argento
libro di Giordano Paolo 
edizioni Einaudi collana Super ET;
normalemente disponibile 3/5 gg
€ 10,00
Il nero e l'argento libro di Giordano Paolo
Il nero e l'argento
libro di Giordano Paolo 
edizioni Einaudi collana NumeriPrimi;
normalemente disponibile 3/5 gg
€ 12,00
COMO DE LA FAMILIA libro di GIORDANO PAOLO
COMO DE LA FAMILIA
libro di GIORDANO PAOLO 
edizioni Salamandra
normalemente disponibile 3/5 gg
€ 19,50
Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-15%

Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza libro di Sepúlveda Luis
Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza
libro di Sepúlveda Luis 
edizioni Guanda collana Le Gabbianelle;
consegna in 24 ore
€ 12,00
€ 10,20

-15%

Il cane, il lupo e Dio libro di Terzani Folco
Il cane, il lupo e Dio
libro di Terzani Folco 
edizioni Longanesi collana La Gaja scienza;
consegna in 24 ore
€ 16,90
€ 14,37

-15%

Un cuore tuo malgrado libro di Sorrentino Piero
Un cuore tuo malgrado
libro di Sorrentino Piero 
edizioni Mondadori collana Scrittori italiani e stranieri;
consegna in 24 ore
€ 17,00
€ 14,45

-15%

Tropico dei perdenti libro di Parodi Roberto
Tropico dei perdenti
libro di Parodi Roberto 
edizioni TEA collana Narrativa Tea;
consegna in 24 ore
€ 15,00
€ 12,75
Città irreale libro di Marconi Cristina
Città irreale
libro di Marconi Cristina 
edizioni Ponte alle Grazie collana Scrittori;
consegna in 24 ore
€ 16,80

-10%

Le cose che bruciano libro di Serra Michele
Le cose che bruciano
libro di Serra Michele 
edizioni Feltrinelli collana I narratori;
consegna in 24 ore
€ 15,00
€ 13,50

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "La solitudine dei numeri primi"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"La solitudine dei numeri primi"
Un libro molto bello
Sabry1909, 2012-05-31
3

E’ un libro molto bello e che consiglio di leggere in particolar modo a chi si interessa di psicologia dell’età evolutiva. La storia di questi due ragazzi, i loro temperamenti, il (non) rapporto con i genitori, le loro relazioni (distorte) con i coetanei, ma soprattutto il trauma vissuto da bambini, hanno segnato il destino delle loro vite mai pienamente vissute e sempre oscurate dall’ombra dell’irrisolto.

"La solitudine dei numeri primi"
Grande libro
ConsueloMé, 2012-03-11
5

I numeri primi, simili, così vicini ma mai abbastanza da toccarsi. Eccoli Alice e Mattia. All’unisono. E Soli. Entrambi soggiogati dalle conseguenze di un evento devastante, senza riuscire a riscattarsi da quella colpa. Si incontrano, si comprendono, si sostengono, si cercano, per tutta la vita, sono quasi una cosa sola, ma mai fino in fondo. Un libro che ti tiene col fiato sospeso sino all’ultima parola, tra la tensione e la speranza di quel cambiamento che sembra dietro l’angolo, a portata di mano, nalla loro affinità, un riscatto che non può avvenire. Anche quell’ultima chiamata sembra preludere il raggiungimento dell’equilibrio che manca ad entrambi. Un finale che spiazza ma nello stesso tempo è chiaro che non potrebbe essere altrimenti. E’ quasi tangibile il tendere dei due protagonisti verso la completezza, nella loro unione, ma sono due numeri primi, gemelli, ma pur sempre numeri primi. E’ un cerchio perfetto che si chiude. E’ il libro migliore che abbia letto negli ultimi anni.

"La solitudine dei numeri primi"
fa male, fa bene
ieni, 2011-12-09
4

E’ un libro che fa male! Eppure, mentre lo leggevo, prima ancora di finirlo, continuava a tormentarmi il desiderio di rileggerlo, tornare indietro, appropriarmi delle parole, del senso, della scrittura e del contenuto. E non mi era mai successo con nessun altro libro. Intenso, scava negli angoli bui dell’anima e lascia spazio al desiderio di rinascere.

"La solitudine dei numeri primi"
Solitudine
rosy1954, 2011-11-02
4

Situazioni forti fatte vivere a due intelligenti adolescenti; azioni a loro imposte anche contro la volontà dalle rispettive famiglie. Obblighi che i ragazzini, cercando comunque di portare a termine, si sono trasformati in condizioni e situazioni disastrose che hanno segnato sia fisicamente che psicologicamente la loro tenera età. Questa giovinezza che, pur svanendo man mano col passare degli anni, non è però riuscita a rimuovere quelle atrocità subite e vissute inizialmente e che hanno quindi influito negativamente sui legami e sull’espandersi dei loro sentimenti. Affetti, sensazioni e legami sofferti ed abbandonati, contatti impossibili da riuscire a portare avanti col loro ferito stato interiore. Un sentimento apparentemente poi finalmente ritrovato ma anch’esso verificatosi alla fine inattuabile, finendo così di proseguire lontani ed ognuno con la propria vita e la propria solitudine.

"La solitudine dei numeri primi"
DISTANTI COME DUE NUMERI PRIMI...
Kikymelody, 2011-10-28
3

Alice e Mattia, due numeri primi, due ragazzi segnati da un passato doloroso. Alice, che sin da bambina viene obbligata da un padre autoritario a partecipare ai corsi di sci, sport che Alice odia, quello sport che le ha rovinato l’esistenza, Si, perchè Alice alla lezione di sci ci va, nonostante il latte della colazione le sia rimasto sullo stomaco e nonostante la discesa le faccia paura. Ed è proprio in quella nebbiosa mattina che la bambina viene staccata dal gruppo dei compagni e perdendosi nella foschia della montagna se la fa addosso. E’ avvilita Alice, ma nonostante ciò tenta di scendere lo stesso da quella discesa che tanto la terrorizza e sarà proprio quella pista che segnerà la sua vita facendole perdere l’uso parziale della gamba. E poi c’è Mattia, un bambino intelligente costretto dai genitori a crescere in fretta. Si, perchè Mattia quella gemella ritardata non se l’è scelta, e non è compito suo badare alla sorella per la maggior parte della giornata. Mattia è un bambino e come tale vuole svagarsi e divertirsi e Michela per lui è solo un peso, un'umiliazione, un piccolo fardello da portarsi dietro ogni giorno. Così , quando il compagno di classe lo invita alla sua festa di compleanno, Mattia abbandona Michela per qualche ora nel parco, dicendole di aspettare sulla panchina fino al suo ritorno. Ma Michela, quando Mattia torna, ormai non c’è più... Un’inizio agghiacciante con un seguito che vede i due ragazzi dapprima adolescenti e poi adulti sempre più legati tra di loro ma nello stesso tempo sempre più distanti. Un romanzo dolce e amaro nello stesso tempo, una storia fuori dal comune capace di emozionare fino alle lacrime...

"La solitudine dei numeri primi"
Ciascuno e’ fautore del proprio destino
MaxLong67, 2011-10-19
4

I gesti che si compiono e si subiscono, le offese inferte e ricevute, si stratificano sulla pelle della nostra anima. Avanziamo nel mondo con zavorre di cui non ci possiamo liberare - per chi Crede- neanche con il Sacramento della Confessione. Protagonista e’ generalmente, il principale personaggio e colui che più’ di altri influisce sulle vicende. In questo caso, in questo libro, i due personaggi non si potrebbero definire tali. Subiscono dagli adulti gesti che si trasformano prestissimo in conseguenze per loro stessi e per coloro che li frequentano. Scelte incoscienti, inaspettate, improbabili si richiedono a colui che percorre le strade della vita sui marciapiedi occupati da SUV inopportuni. L’equazione che lega scelte e conseguenze e’ sconosciuta ma sicuramente non e’ lineare. Il karma accumulato e smaltito in questa o - ancora una volta, per chi ci Crede - in vite precedenti, produce effetti che diventano cause come le due mani di Escher. "Cio’ che non ci uccide ci rafforza" e come in una tragedia greca la catarsi dei personaggi, divenuti finalmente Protagonisti della loro vita, avviene in modo istantaneo quasi un flash. Ma non e’ vero che la linea del traguardo, anche nelle corse piu’ dure e lunghe, non e’ spessa piu’ di un attimo?

"La solitudine dei numeri primi"
La solitudine dei numeri primi
Davide, 2011-09-08
2

Questo libro è cattivo. Non cattivo perchè è mal scritto, anzi, chi apprezza lo stile troverà che le parole scorrono a meraviglia e si incastrano l’una dietro l’altra perfettamente come pezzi di puzzle. Il libro è cattivo perchè pare che prenda ogni personaggio e lo torturi, senza lasciare indenne nessuno. I due protagonisti, entrambi reduci di traumi infantili, adolscenze sofferte e dubbie età adulte, sono quelli che soffrono più di tutti. I personaggi secondari, quelli che ruotano attorno a loro, vengono afflitti da più o meno gravi situazioni dolorose. Il ragazzo innamorato non ricambiato dal protagonista. L’amica serpe della protagonista, bellissima e vuota, insoddisfatta e gratuitamente crudele. I genitori del protagonista, inquietati dal loro stesso figlio. Il marito della protagonista, intrappolato in un matrimonio che desiderava diverso. Leggendo il libro, mi sono sentito affascinato dalla scorrevole semplicità delle descrizioni ma afflitto dal ciclo di dolore che ogni personaggio attraversava. Un barlume di speranza si avverte nel finale aperto, che comunque lascia un senso di delusione per le azioni inconcludenti che i due personaggi principali compiono. E’ un libro cattivo ma non un brutto libro. L’ho trovato frustrante ma non noioso; triste ma non disgustoso. Una lettura che può benissimo essere portata a termine senza il avvertire il bisogno di gettare il libro nel fuoco. Certo, se qualcuno è alla ricerca di un lieto fine classico, farebbe meglio a puntare altrove la propria attenzione.

"La solitudine dei numeri primi"
Una grossa delusione
maxbar59, 2011-08-04
2

Mi spiace, ma dopo averlo letto, e riletto per fugare ogni dubbio, devo dire che questo libro non mi è piaciuto e non riesco a giustificarne la fama che lo ha accompagnato da quando è stato pubblicato. Non dico sia bruttissimo, per carità, ma trovo che prometta, prometta e prometta .... senza poi arrivare a nulla. Scialbo, ecco come potrei definirlo. naturalmente è una opinione personale, quindi assolutamente non condivisibile. Ma è la mia. Saluti a tutti

"La solitudine dei numeri primi"
la solitudine dei numeri primi
cristinabr, 2011-08-03
3

è un libro che ho letto tutto d’un fiato ma che, alla fine, mi ha lasciata con l’amaro in bocca. bello il racconto dell’interazione tra Alice e Mattia, due ragazzini, divenuti adulti, legati da uno strano rapporto di affetto/amore che, però, non riesce mai a concretizzarsi realmente. sono due emarginati dalla vita, per episodi da loro stessi causati. ambedue sembrano non avere aspirazioni di nessun tipo, sembra che vogliano rimanere in balia di quella corrente che è la vita, senza cercare di cambiare direzione.

"La solitudine dei numeri primi"
La solitudine dei numeri primi
figacci, 2011-07-25
5

Può un bambino crescere col rimorso di avere abbandonato al suo destino la sorellina ritardata? Mattia farà i conti per tutta la vita con la sua innocenza di bimbo che per una volta vuole fare parte di una festa di amichetti "da solo",senza la sorellina "strana". Il suo destino si incrocerà spesso con quello di Alice su binari che sembrano non incontrarsi mai del tutto. Una storia struggente e imperdibile Stefania

Visualizza tutti i commenti a La solitudine dei numeri primi