ricerca
avanzata

Il positivismo tra scienza e religione. Studi sulla fortuna di Comte in Gran Bretagna

di Giorgio Lanaro edito da Franco Angeli, 1991

l Positivismo è un indirizzo di pensiero nato in Francia a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Il termine venne coniato dal filosofo utopista de Saint Simon per indicare il metodo seguito dalle scienze positive (matematica, fisica e scienze naturali) fondato sull’osservazione reale dei fenomeni, sulla sperimentazione, la verifica della teoria e la prova dei fatti. Questa cultura nasce dal bisogno di rappresentare la realtà in maniera concreta ed oggettiva, delineando le problematiche sociali e politiche affrontate con metodo scientifico e sperimentale da uno scrittore scienziato attraverso la sociologia, la psicanalisi e la teoria dell’evoluzione Il positivismo è una corrente filosofico - ideologica caratterizzata dalla fiducia incondizionata nella scienza e nel metodo scientifico. Tra i massimi rappresentanti del positivismo troviamo Auguste Comte e Charles Darwin. Le due tendenze letterarie che caratterizzano il periodo sono il Naturalismo ed il Simbolismo. L’ambiente in cui si diffondono è costituito da pittori, poeti, scrittori, musicisti, attori accomunati tutti dallo stile di vita libero ed anticonformista. Ambiente definito bohèmien che è distinto dalla precedente generazione romantica per la condizione sociale meno privilegiata, il gusto libertario, il rifiuto e la satira della condizione borghese, l’atteggiamento protestatorio e antiborghese.

Recensione Unilibro a cura di Nelly

Informazioni bibliografiche del Libro

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Il positivismo tra scienza e religione. Studi sulla fortuna di Comte in Gran Bretagna"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Il positivismo tra scienza e religione. Studi sulla fortuna di Comte in Gran Bretagna"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Il positivismo tra scienza e religione. Studi sulla fortuna di Comte in Gran Bretagna"
Nelly, 2012-03-30
4

l Positivismo è un indirizzo di pensiero nato in Francia a partire dalla seconda metà dell’Ottocento. Il termine venne coniato dal filosofo utopista de Saint Simon per indicare il metodo seguito dalle scienze positive (matematica, fisica e scienze naturali) fondato sull’osservazione reale dei fenomeni, sulla sperimentazione, la verifica della teoria e la prova dei fatti. Questa cultura nasce dal bisogno di rappresentare la realtà in maniera concreta ed oggettiva, delineando le problematiche sociali e politiche affrontate con metodo scientifico e sperimentale da uno scrittore scienziato attraverso la sociologia, la psicanalisi e la teoria dell’evoluzione Il positivismo è una corrente filosofico - ideologica caratterizzata dalla fiducia incondizionata nella scienza e nel metodo scientifico. Tra i massimi rappresentanti del positivismo troviamo Auguste Comte e Charles Darwin. Le due tendenze letterarie che caratterizzano il periodo sono il Naturalismo ed il Simbolismo. L’ambiente in cui si diffondono è costituito da pittori, poeti, scrittori, musicisti, attori accomunati tutti dallo stile di vita libero ed anticonformista. Ambiente definito bohèmien che è distinto dalla precedente generazione romantica per la condizione sociale meno privilegiata, il gusto libertario, il rifiuto e la satira della condizione borghese, l’atteggiamento protestatorio e antiborghese.