ricerca
avanzata
  • Libreria
  •  > 
  •  > 
  •  > 
  • Racconti
  •  > 
  • Duemila e oltre. Antologia di prosa breve italiana contemporanea

Duemila e oltre. Antologia di prosa breve italiana contemporanea

di Pasanisi R. (cur.) edito da Ist. Italiano Cultura Napoli, 2017

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Duemila e oltre. Antologia di prosa breve italiana contemporanea: "È lucida e decisa, pur se fondata su presupposti sui generis, la reazione anti-realistica ed anti-positivistica di Gabriele D'Annunzio alle soglie della modernità, fino a oltrepassarne profeticamente i confini. Già nel 1893 il poeta abruzzese coglieva, con l'antesignana lussureggiante lucidità che gli era propria, il tramonto dell'ottocento e la nascita di tempi nuovi: «l'esperimento è compiuto. la scienza è incapace [...] di rendere la felicità alle anime in cui ella ha distrutto l'ingenua pace. [...] Non vogliamo più il sogno. Riposo non avremo se non nelle ombre dell'ignoto». Esemplare risulta, in effetti, l'iter umano e letterario di D'Annunzio attraverso il Novecento e la sua mitologia: sicché il viaggio che il poeta compie con la sua opera viene ad assurgere ad epocale simbolo d'una paradigmatica saison en enfer dell'artista nella società contemporanea. Andrea Sperelli, l'esteta, il dandy wildiano de Il Piacere (1889), la perfetta autoincarnazione dannunziana, rappresenta il momento dell'illusione ancóra possibile" (dalla Prefazione del curatore del libro, Roberto Pasanisi)
"Is lucid and determined, even if they are based on realistic assumptions sui generis, anti-reaction anti-positivist Gabriele D'annunzio's expertise on the threshold of modernity, prophetically extends up to the borders. Already in 1893 the poet abruzzese took, with the forerunner was its lush lucidity, the sunset of the nineteenth century and the birth of new times: "the experiment is accomplished. Science is unable [...] to make happiness at anime where she destroyed the na??ve peace. [...] We don't want the dream. We will not rest unless in the shadows of the unknown??. Specimen is, indeed, the human and literary career of d'Annunzio through the twentieth century and its mythology: so the trip that the poet does with his work is to do such epochal symbol of a paradigmatic saison en enfer of the artist in contemporary society. Sallis, the Aesthete, the dandy wildiano de Il Piacere (1889), the perfect autoincarnazione of D'Annunzio, represents the moment of illusion again "(from the preface of the editor of the book, Roberto Pais)

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Duemila e oltre. Antologia di prosa breve italiana contemporanea"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Duemila e oltre. Antologia di prosa breve italiana contemporanea"