ricerca
avanzata

Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell'assenza per Federico García Lorca

di Lorenzo Spurio edito da Poetikanten, 2016

Informazioni bibliografiche del Libro

  • Titolo del Libro: Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell'assenza per Federico García Lorca
  • AutoreLorenzo Spurio
  • Editore: Poetikanten
  • Data di Pubblicazione:  Gennaio '2016
  • Genere: letteratura italiana: testi
  • Pagine: 86
  • ISBN-10: 8899325464
  • ISBN-13:  9788899325466

 

Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell'assenza per Federico García Lorca: Questa plaquette contiene una decina di poesie in qualche modo ispirate dalla figura e dalla poesia di Federico García Lorca, nella ricorrenza degli 80 anni dal suo assassinio. Molte poesie hanno tratti sensitivi e impressionistici: "Doloroso [è] il suono della cicala"; "Le ali delle vespe battevano troppo veloci/ per riflettersi nell'argento liquido dei giorni" mentre la luna si nasconde "Con lo scuro incorporato e/ la camicia inargentata". La silloge è al tempo stesso una rievocazione ed un'invocazione del poeta, con un fondo di accoramento che si scioglie nel colloquio con le piante e con la natura, in sintonia col sentire del poeta e in risonanza con i suoi versi: "Os hablan las cosas/ y vosotros no escucháis" come Spurio cita il poeta in esergo. A volte l'aggancio è ulcerante come un uncino: "una madre rimesta nell'utero con dita adunche"; "El niño che ha muerto era listo para vivir/ Corría al bordo del rio con risa suave", annota il poeta marchigiano direttamente nell'idioma spagnolo. Ma anche la rievocazione più accorata rifiorisce nella freschezza della poesia di Federico, che ci piace ricordare con "Sul volto un sorriso di gigli freschi" (Corrado Calabrò).

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell'assenza per Federico García Lorca"

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Tra gli aranci e la menta. Recitativo dell'assenza per Federico García Lorca"