ricerca
avanzata

Marina Rei - Inaspettatamente

Un cd di  REI MARINA  prodotto da Emi, 2008

Nel 2000 Marina Rei compie una svolta stilistica radicale ed inaspettata dando alle stampe l’album “Inaspettatamente”, progetto artistico scritto quasi interamente da lei. Innanzitutto i suoni si fanno più rock e la voce migliora notevolmente in questa veste completamente rinnovata. Undici episodi che rivelano un sapiente uso delle parole, sempre orientate alla sintesi estrema dei concetti espressi dalla cantautrice romana. La Rei non fa tutto da sola: si fa affiancare nella stesura di alcuni brani da Daniele Sinigallia e scrive con Federico Zampaglione “La mia felicità”, brano dai risvolti elettronici e stranianti che si rivela uno degli episodi migliori, insieme alla title-track, nel cui ritornello si leva la voce di Marina come non aveva mai fatto prima, e “Ride”, storia di una donna sull’orlo della follia. Di sicuro impatto sono anche gli episodi più lenti, come “Mentite spoglie”, “Il respiro del mio vivere” ed il singolo “I miei complimenti”, pezzo che si sofferma su una delusione trasformandola in una tenue invettiva. “Inaspettatamente” rappresenta un cambiamento radicale nella musica di Marina Rei ed una diversa e più profonda consapevolezza del mestiere di musicista e scrittrice di canzoni.

Recensione Unilibro a cura di -Stefano-

Dettagli del prodotto

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Marina Rei - Inaspettatamente"
-Stefano-, 2011-12-19
5

Nel 2000 Marina Rei compie una svolta stilistica radicale ed inaspettata dando alle stampe l’album “Inaspettatamente”, progetto artistico scritto quasi interamente da lei. Innanzitutto i suoni si fanno più rock e la voce migliora notevolmente in questa veste completamente rinnovata. Undici episodi che rivelano un sapiente uso delle parole, sempre orientate alla sintesi estrema dei concetti espressi dalla cantautrice romana. La Rei non fa tutto da sola: si fa affiancare nella stesura di alcuni brani da Daniele Sinigallia e scrive con Federico Zampaglione “La mia felicità”, brano dai risvolti elettronici e stranianti che si rivela uno degli episodi migliori, insieme alla title-track, nel cui ritornello si leva la voce di Marina come non aveva mai fatto prima, e “Ride”, storia di una donna sull’orlo della follia. Di sicuro impatto sono anche gli episodi più lenti, come “Mentite spoglie”, “Il respiro del mio vivere” ed il singolo “I miei complimenti”, pezzo che si sofferma su una delusione trasformandola in una tenue invettiva. “Inaspettatamente” rappresenta un cambiamento radicale nella musica di Marina Rei ed una diversa e più profonda consapevolezza del mestiere di musicista e scrittrice di canzoni.