ricerca
avanzata

Agora

Un film in dvd di  Amenabar Alejandro  distribuito da Dolmen Home Video, 2010

  • Prezzo di Copertina: € 15,99
  • € 12,99
  • Risparmi il 18% (€ 3,00)

Interessante film di storia e di denuncia (non a caso transitato per il circuito cinematografico italiano a distanza di alcuni mesi dagli altri circuiti europei) che invita alla riflessione su due questioni importanti, sempre attuali, per la storia dell’umanità: l’emancipazione sociale e culturale della donna e il contrasto, a volte cieco e violento, fra scienza e fede religiosa. Il regista Amenàbar, con questo suo lavoro, ci riporta alla fine del IV secolo d.C., quando ormai è al culmine, nella civilissima Alessandria d’Egitto, lo scontro tra la cultura classica ellenistica, simbolo del mondo pagano antico, e l’affermarsi di nuove fedi religiose generate dal messaggio cristiano. La fine cruenta di quella cultura passa attraverso la distruzione della grandiosa biblioteca della città, roccaforte del sapere di quell’epoca, e del sacrificio della filosofa Ipazia, donna istruita e appassionata delle scienze del tempo antico, vera antesignana di un pionierismo femminile che solo nel XIX secolo si riproporrà alla ribalta della scienza moderna. Ma il film vuole essere soprattutto la condanna di ogni fondamentalismo religioso, qualunque esso sia, della sua cecità morale e scientifica, della sua violenza ad ogni costo nei confronti della libertà del sapere, della continua ricerca scientifica e della voglia di andare sempre più avanti nelle umane conoscenze.

Recensione Unilibro a cura di serghej

Dettagli del prodotto

Promozione Scopri gli altri articoli della promozione DVD a 12,99 €

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Agora"
Agorà
serghej, 2011-11-25
4

Interessante film di storia e di denuncia (non a caso transitato per il circuito cinematografico italiano a distanza di alcuni mesi dagli altri circuiti europei) che invita alla riflessione su due questioni importanti, sempre attuali, per la storia dell’umanità: l’emancipazione sociale e culturale della donna e il contrasto, a volte cieco e violento, fra scienza e fede religiosa. Il regista Amenàbar, con questo suo lavoro, ci riporta alla fine del IV secolo d.C., quando ormai è al culmine, nella civilissima Alessandria d’Egitto, lo scontro tra la cultura classica ellenistica, simbolo del mondo pagano antico, e l’affermarsi di nuove fedi religiose generate dal messaggio cristiano. La fine cruenta di quella cultura passa attraverso la distruzione della grandiosa biblioteca della città, roccaforte del sapere di quell’epoca, e del sacrificio della filosofa Ipazia, donna istruita e appassionata delle scienze del tempo antico, vera antesignana di un pionierismo femminile che solo nel XIX secolo si riproporrà alla ribalta della scienza moderna. Ma il film vuole essere soprattutto la condanna di ogni fondamentalismo religioso, qualunque esso sia, della sua cecità morale e scientifica, della sua violenza ad ogni costo nei confronti della libertà del sapere, della continua ricerca scientifica e della voglia di andare sempre più avanti nelle umane conoscenze.

Attenzione


L'immagine che stai per visualizzare contiene materiale riservato ad un pubblico adulto.

Se hai un'età inferiore a 18 anni o ritieni che materiale del genere possa turbarti e offendere la tua persona non proseguire.

Proseguendo invece, ti assumi ogni responsabilita civile e penale se nel tuo paese la visione di materiale per adulti è considerata illegale.



« Annulla     Prosegui »