ricerca
avanzata

(Blu Ray Disk) Carnage

Un film in blu ray disk di  Polanski Roman  distribuito da Medusa Home Entertainment, 2012

  • Prezzo di Copertina: € 22,49
  • € 12,99
  • Risparmi il 42% (€ 9,50)

La resa dei conti tra due ragazzini undicenni: labbra gonfie, denti rotti... I genitori della 'vittima' invitano i genitori del 'teppista' a casa loro per cercare di risolvere la faccenda. Gli iniziali convenevoli scherzosi si trasformano presto in battute al vetriolo che sfoceranno in un crescendo di rivelazioni sulle ridicole contraddizioni e i grotteschi pregiudizi dei quattro genitori, nessuno dei quali sfuggirà al conseguente massacro.

Dettagli del prodotto

Promozione Scopri gli altri articoli della promozione DVD a 12,99 €

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"(Blu Ray Disk) Carnage"
Violenza domestica
Alex Toppi, 2012-07-06
4

Roman Polanski, sullo schermo d’una laguna da festival, porta il testo drammaturgico di Yasmina Reza: sono applausi di sala e di critica. È ’Carnage’ l’opera dotta e funzionante, di cui recentemente fa critica Vincenzo Cerami scrivendo: «sofisticato e divertente esercizio di regia e di recitazione con racconto, in tempo reale, da 79 minuti: senza ellissi narrative»; «unità teatrale di tempo e di luogo, con rappresentazione puramente affidata alla recita»; «un senso di claustrofobia ch’è fatale» e che calca «vizzi, tic, turbamenti, stizze, malesseri, deliri». Opera d’interno efferato, affida tutta la propria violenza alla parola che - dall’ipocrisia da incontro salottiero - decade ad insulto scagliato con furore omicida. Scrive ancora Cerami, commentando Carnage: «i quattro malcapitati escono dalla trappola del galateo per parlare con franchezza, per dar spazio alla veritas. In realtà non cambia granché: le idiozie che si scambiano adesso sono sempre idiozie, è diverso il modo di parlare, più protervo ma anche più balbettante». Come pellegrini costretti a un supplizio i «quattro malcapitati» (l’un contro l’altro, in un variato turbinio di alleanze) finiranno spossati, fecciosi, mollicci (e vale la pena accennare che si fa sporca, laida e sporca, la scena: l’accenno improvviso alla diarrea; i conati di vomito, la bile sconciata a sussulti): finita ogni lessicale tortura, non saranno che grumo residuo, roba avanzata, rifiuto di quello che c’era. Non saranno che resto di quello che si son detti.