ricerca
avanzata

Il pontile sul lago. E-book. Formato EPUB

Un ebook di  Polillo Marco  edito da BUR Biblioteca Univ. Rizzoli, 2012

Gennaro Vattuone non era quel che si dice una pasta d'uomo, ma chi poteva avere interesse a uccidere un anziano professore di latino e greco in pensione? Quando Enea Zottìa riceve la telefonata di Fabio Massimo, l'amico notaio che ha appena scoperto il cadavere del padre nella villa di famiglia sul lago d'Orta, pensa di aver trovato la scusa ideale per allontanarsi un po' da Milano e dalla solitudine del suo matrimonio infelice. Ma al vicecommissario basteranno poche ore per percepire, dietro l'avvolgente atmosfera d'altri tempi che lo accoglie, un mondo molto meno benevolo di quanto sembri. L'omicidio ha l'aria di un'esecuzione e tutti sembrano avere qualcosa da nascondere, perfino gli innocui amici del bar. Se l'intero paese tenta di dissimulare una ragnatela di segreti, menzogne e interessi che non risparmia nessuno, Enea Zottìa sa bene come guardare oltre le apparenze. Più difficile è invece dare un nome alla speranza che ripone in fondo al proprio cuore e che riguarda Serena, l'amore di una vita.

1
4

Informazioni bibliografiche

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Il pontile sul lago. E-book. Formato EPUB"
Bravo Polillo
Lu.Ca., 2012-03-14
4

E’ tarda sera a Orto San Giulio quando Mario , Tancredi e Stefano seduti come sempre al solito tavolino nella piazzetta del Caffè del lago, si chiedono come mai Gennaro Vattuone, professore di latino e greco in pensione, non si sia ancora fatto vivo per il rituale aperitivo delle sette. La ragione del mancato arrivo viene subito scoperta, quando il corpo senza vita dell’ex professore viene ritrovato sul pontile della villa dove il professore si era ritirato a fine carriera. Toccherà al Vicecommissario Enea Zottìa, in trasferta dalla Questura di Milano ed in profonda crisi matrimoniale, scoprire chi ha assassinato Gennaro Vattuone. In un ambiente dove tutti conoscono tutti e dove menzogne, segreti ed interessi particolari in cui tutto il paese sembra coinvolto, il compito del Vicecommissario appare da subito tutt’altro che facile. L’indizio da cui parte l’indagine, è una statua, quella che rappresenta la Primavera, situata nel parco della villa teatro dell’omicidio che, contrariamente a quelle raffiguranti le altre tre stagioni, è stata ruotata con le spalle al lago. Con questo ottimo giallo Marco Polillo ci regala veramente delle ore di piacevole e intensa lettura la cui conclusione non appare mai del tutto scontata, anzi. Una menzione particolare al protagonista Enea Zottìa, che con la sua intensa umanità e con il suo carattere melanconico rimane nella mente del lettore facendogli desiderare di rincontrarlo al più presto. Un giallo made in Italy ben congegnato, narrato con grande maestria e con tutte le carte in regola. Bravo Polillo, alla prossima indagine.