ricerca
avanzata

Dante, Gemma e... l'altra. E-book. Formato PDF

Un ebook di  Desideri Massimo  edito da Dante Alighieri, 2014

"In un tempo dissacrante come il nostro, in cui pubblicità televisive ormai famose mostrano attori celebri, già appetiti sex symbol, parlare con pazienti galline e occuparsi di produzione di biscotti per bimbi, neppure il Sommo Poeta poteva sfuggire all'irriverenza della réclame di turno. Ma quando, nello spot di una nota azienda telefonica, si vede un dinoccolato Dante Alighieri, impersonato da un simpatico e popolare attore, con al fianco un tracagnotto Virgilio, chiamare al cellulare una innamorata e sognante Beatrice, incarnata da una bella ragazza in possesso dell'opportuno physique du rôle, dopo esserci fatte un bel po' di risate viene da chiedersi se proprio tutto il vasto pubblico dei nostri teleschermi ormai digitalizzati ricordi, o sappia con certezza, che Beatrice non era la moglie di Dante, e nemmeno la mamma dei suoi tre, o forse quattro, figlioli. Certo, può essere davvero irrilevante nella vita sapere che la moglie del nostro maggiore poeta era un'altra e che si chiamava Gemma; ma può essere istruttivo chiedersi come mai noi, pur sapendolo, consideriamo del tutto "normale" e assodato associare al nome di lui quello della diafana Beatrice, a sua volta moglie d'un tale Simone, mentre della legittima consorte di Dante non sappiamo un bel niente (anche perché lui s'è ben guardato dal nominarla almeno una volta). Non è per una forma di pruderie che ci spingiamo a mettere il naso in questioni di tal genere, con lo scopo di andare a deplorare che Dante amasse una donna diversa dalla moglie, ma perché può essere quanto mai interessante considerare le "ragioni" per cui non si veda niente di disdicevole, da parte di nessuno, nell''unione' Dante-Beatrice, 'consacrata' non solo dall'arte di lui (il che rientra nell'umano principio dell'agire pro domo sua), ma anche da quella, cospicua nei secoli, di tanti altri artisti, oltre che da tanti esegeti ispirati dalla poesia della Commedia."

Informazioni bibliografiche