ricerca
avanzata

Perturbamento

di Thomas Bernhard Bernardi E. (cur.) edito da Adelphi, 1995

  • Prezzo di Copertina: € 12,00
  • € 10,20
  • Risparmi il 15% (€ 1,80)

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Il mondo di Bernhard è ammorbato, irrimediabilmente morente. D’intorno la vegetazione è sfinita, malata e ormai prossima a perire di freddo; crepacci sono le montagne, abissi le valli tra un colle ed un colle, i fiori sono ridotti ad erbacce mentre gli alberi sono tronchi ormai marci. Nell’aria, che s’alza ingrigita, risuonano echi di urla funeste e lamenti, strepiti, deliri di terrore o spavento. Quanto ai corpi che abitano questi luoghi e che, questi luoghi, in qualche modo li vivono, presentano a vista i segni del consumo, della malaria, della fine vicina: v’è chi ha le pustole, chi un male al polmone, chi respira a fatica; un bimbo non arriva a domani, un’anziana non si alzerà mai più dal suo letto, un uomo piange la moglie che aveva abbandonato ad altri uomini ubriachi. "Non siete stati colpiti dal fatto che gli uomini abitano nei cimiteri? Che le grandi città sono dei grandi cimiteri? Le piccole città, dei cimiteri più piccoli? Che il letto è una tomba?" domanda, scrivendolo, Bernhard. Non fa eccezione questo piccolo capolavoro annerito. "Perturbamento" è una traversata tra morti, decrepiti, folli e falliti; tra moribondi che si credono sani, tra sani che si scopriranno malati. Nessuno si salva, in questo Inferno che non risiede nascosto nel ventre della Terra bensì respira all’aria aperta, dinnanzi ai nostri occhi. A narrarci questa bruttura, con forma da monologo lirico, da a solo per voce d’attore, un giovane che segue il padre ch’è medico e che fa turno di visita. Non resta, a chi abbia il coraggio d’affrontare l’angoscia, che leggere: di lettera in lettera, di pagina in pagina, entrerà in un Inferno apocalittico, estroso e ammorbato. Da fine dell’uomo, da fine del mondo.

Recensione Unilibro a cura di Alex Toppi

Promozione Il libro "Perturbamento" su Unilibro.it è nell'offerta di libri scontati Migliaia di LIBRI in Sconto -15%

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Perturbamento"

Dello stesso autore: Bernhard Thomas; Bernardi E. (cur.)
Perturbamento libro di Bernhard Thomas Bernardi E. (cur.)
Perturbamento
libro di Bernhard Thomas  Bernardi E. (cur.) 
edizioni Adelphi collana Fabula;
€ 13,43
Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-15%

Estinzione. Uno sfacelo libro di Bernhard Thomas
Estinzione. Uno sfacelo
libro di Bernhard Thomas 
edizioni Adelphi collana Fabula;
normalmente disponibile 3/5 gg
€ 27,00
€ 22,95

-15%

Il soccombente libro di Bernhard Thomas
Il soccombente
libro di Bernhard Thomas 
edizioni Adelphi collana Gli Adelphi;
normalmente disponibile 3/5 gg
€ 10,00
€ 8,50

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Perturbamento"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Perturbamento"
L’Inferno di Bernhard
Alex Toppi, 2011-11-07
3

Il mondo di Bernhard è ammorbato, irrimediabilmente morente. D’intorno la vegetazione è sfinita, malata e ormai prossima a perire di freddo; crepacci sono le montagne, abissi le valli tra un colle ed un colle, i fiori sono ridotti ad erbacce mentre gli alberi sono tronchi ormai marci. Nell’aria, che s’alza ingrigita, risuonano echi di urla funeste e lamenti, strepiti, deliri di terrore o spavento. Quanto ai corpi che abitano questi luoghi e che, questi luoghi, in qualche modo li vivono, presentano a vista i segni del consumo, della malaria, della fine vicina: v’è chi ha le pustole, chi un male al polmone, chi respira a fatica; un bimbo non arriva a domani, un’anziana non si alzerà mai più dal suo letto, un uomo piange la moglie che aveva abbandonato ad altri uomini ubriachi. "Non siete stati colpiti dal fatto che gli uomini abitano nei cimiteri? Che le grandi città sono dei grandi cimiteri? Le piccole città, dei cimiteri più piccoli? Che il letto è una tomba?" domanda, scrivendolo, Bernhard. Non fa eccezione questo piccolo capolavoro annerito. "Perturbamento" è una traversata tra morti, decrepiti, folli e falliti; tra moribondi che si credono sani, tra sani che si scopriranno malati. Nessuno si salva, in questo Inferno che non risiede nascosto nel ventre della Terra bensì respira all’aria aperta, dinnanzi ai nostri occhi. A narrarci questa bruttura, con forma da monologo lirico, da a solo per voce d’attore, un giovane che segue il padre ch’è medico e che fa turno di visita. Non resta, a chi abbia il coraggio d’affrontare l’angoscia, che leggere: di lettera in lettera, di pagina in pagina, entrerà in un Inferno apocalittico, estroso e ammorbato. Da fine dell’uomo, da fine del mondo.