ricerca
avanzata

Fahrenheit 451

di Ray Bradbury edito da Mondadori, 2016

Informazioni bibliografiche del Libro

 

Fahrenheit 451: "Questo è un libro che ci mette in guardia. Ci ricorda che ciò che abbiamo è prezioso, e che a volte diamo per scontato proprio quello a cui teniamo. Quando l'ho riletto da adolescente, 'Fahrenheit 451' era diventato un testo sulla libertà, sulla capacità di pensare con la propria testa. Parlava di fare tesoro dei libri e delle voci di dissenso che si esprimevano al loro interno. Di come noi esseri umani cominciamo col mettere al rogo i libri e finiamo col mettere al rogo le persone." (dalla prefazione di Neil Gaiman) Età di lettura: da 12 anni.
"This is a book that warns. It reminds us that what we have is precious, and we sometimes take for granted what we care about. When I reread as a teenager, ' Fahrenheit 451 ' had become a text about freedom, the ability to think for themselves. He spoke to be treasured books and dissenting voices that expressed themselves in them. Of how we humans start by putting the burning books and end up putting at stake the people. " (from the foreword by Neil Gaiman) Reading age: from 12 years.

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Fahrenheit 451"

Dello stesso autore: Bradbury Ray

-15%

I fiori di Marte libro di Bradbury Ray
I fiori di Marte
libro di Bradbury Ray 
edizioni Mondadori collana Oscar moderni;
consegna in 24 ore
€ 13,00
€ 11,05

-15%

Fahrenheit 451 libro di Bradbury Ray
Fahrenheit 451
libro di Bradbury Ray 
edizioni Mondadori collana Oscar moderni;
€ 12,00
€ 10,20

-15%

Addio all'estate libro di Bradbury Ray
Addio all'estate
libro di Bradbury Ray 
edizioni Mondadori collana Oscar moderni;
€ 12,00
€ 10,20

-15%

Lo zen nell'arte di scrivere. Libera il genio creativo che è in te libro di Bradbury Ray
Lo zen nell'arte di scrivere. Libera il genio creativo che è in te
libro di Bradbury Ray 
edizioni Piano B
€ 15,00
€ 12,75

-15%

Omicidi d'annata libro di Bradbury Ray
Omicidi d'annata
libro di Bradbury Ray 
edizioni Mondadori collana Oscar gialli;
€ 13,00
€ 11,05

-15%

Morte a Venice libro di Bradbury Ray
Morte a Venice
libro di Bradbury Ray 
edizioni Mondadori collana Oscar gialli;
€ 14,00
€ 11,90
Potrebbero interessarti anche questi prodotti

-15%

La vita segreta di Max. Il romanzo ufficiale di Stranger Things libro di Yovanoff Brenna
La vita segreta di Max. Il romanzo ufficiale di Stranger Things
libro di Yovanoff Brenna 
edizioni Mondadori collana I Grandi;
consegna in 24 ore
€ 17,00
€ 14,45
La Chiave segreta per l'universo libro di Hawking Lucy Hawking Stephen
La Chiave segreta per l'universo
libro di Hawking Lucy  Hawking Stephen 
edizioni Mondadori collana Oscar bestsellers;
consegna in 24 ore
€ 10,50

-15%

L'incantatore. Minecraft libro di Lafferty Mur
L'incantatore. Minecraft
libro di Lafferty Mur 
edizioni Mondadori
consegna in 24 ore
€ 17,00
€ 14,45

-15%

Timeport. L'occhio del tempo libro di Stef & Phere Gubellini Giulia
Timeport. L'occhio del tempo
libro di Stef & Phere  Gubellini Giulia 
edizioni Magazzini Salani collana LIBRI;
consegna in 24 ore
€ 15,90
€ 13,52

-15%

Will Byers. Appunti segreti. Stranger Things libro di Gilbert Matthew J.
Will Byers. Appunti segreti. Stranger Things
libro di Gilbert Matthew J. 
edizioni Mondadori collana LICENZE;
consegna in 24 ore
€ 16,00
€ 13,60

 Recensioni Scrivi la tua recensione del libro "Fahrenheit 451"

 
Le Recensioni degli Utenti Unilibro
"Fahrenheit 451"
Passività televisiva
Alex Toppi, 2012-07-06
3

La strada è una patina d’argento liscissimo, sulla quale procedere celeri come biglie sospinte dall’indice. La velocità, l’immediatezza, la rapida esecuzione del moto. Sulla patina d’argento liscissimo non si staziona, non si passeggia, non si cammina: si corre. Si corre e – correndo – s’avvista talora qualche macchia difforme: una macchia rosata è un cespuglio di rose, una macchia biancastra è una parete di casa, una macchia marrone è un cavallo che pascola, una macchia verde è un accatasto di foglie mentre una macchia che torce e ritorce quattro o cinque colori deve essere un uomo, una donna, la figura o la sagoma di un uomo o una donna. Si corre, sulla patina d’argento liscissimo. Si corre perché corre il tempo e, nel tempo, le immagini corrono. Terminato l’impiego al lavoro padri, madri e figli, nonni e nipoti, cugini, fratelli, sorelle di cugini, fratelli e sorelle corrono perché le immagini corrono nel tempo che corre: necessario è raggiungerle. Così si accelera, aggiungendo fretta alla fretta, per traversare questo cunicolo-mondo le cui pareti-paesaggio sono vetrine con dentro scaffali (con sopra i prodotti), che s’alternano a grandi cartelli in metallo (con dentro rimandi agli stessi prodotti), che s’alternano a grandi schermi vivissimi (con dentro barbagli che alludono sempre agli stessi prodotti). Si trapassa questo cunicolo-mondo, che è un centro in commercio, per giungere a casa e, a casa, posare la borsa, posare il pastrano, posare le chiavi, tirare un sospiro brevissimo e sedersi sul divano dinnanzi: dinnanzi al divano una televisione che luccica le immagini preordinate e raggiunte. Questa sera, come ogni sera, va in onda “Tra le pareti del salotto”: non è possibile perderlo. ’Fahrenheit 451’ - oltre la distopia, oltre l’invenzione - è questa corsa indotta alle immagini, ai media, lla comoda poltrona stantia su cui ci si nutre di passività.

"Fahrenheit 451"
Buonasera
Alex Toppi, 2012-06-27
4

A pagina cinque, Montag (il protagonista del libro) inciampa in Clarisse (la coprotagonista del libro) ed è costretto a «rallentare fin quasi a fermarsi». L’incontro – in Fahrenheit 451 – è una lenta sosta dal tempo, dalle immagini intorno, dalla fretta che corre. L’incontro – in Fahrenheit 451 – è «l’atmosfera compressa dalla presenza di qualcuno in silenzio», da cui si comincia a dipendere. L’incontro – in Fahrenheit 451 – è «una faccia che tremola» in una visione vicina: è una faccia che tremola ed è il suo fiato che tremola, la sua voce che tremola, il suo racconto che tremola. «Buonasera». La prima parola. Verrà, nell’opera, ciò che ha da venire e che tutti conoscono: non stiamo a farne ricordo. Verrà. Ciò che interessa a chi scrive è quest’incontro tra un uomo e una donna che si costringono a «rallentare fin quasi a fermarsi» dicendosi «buonasera». Finiranno, Montag e Clarisse, per parlare di libri in un mondo che, i libri, li proibisce e divora dandogli vampa perché siano ridotti di cenere. «Buonasera». La prima parola. ’Fahrenheit 451’ è un ottimo libro che - certo - affascina alla prima lettura per la trama distopica che fa allusione al presente (suggestivo più che veritiero) e tuttavia colpisce soprattutto perché è l’elogio dell’incontro tra gli uomini, del potere immenso che scaturisce quando uno sguardo incontra uno sguarso, un volto incontra un volto, una mano incontra una mano. «Buonasera».

"Fahrenheit 451"
Simone Barberio, 2011-09-16
4

Sin dalla prima pagina, mi sono completamente immerso in quell’atmosfera asfissiante e spersonalizzante in cui il povero Winston è costretto a prolungare la sua esistenza. Quella di Winston non si può definire vita perchè egli, oltre ad essere costretto a subire un carico di lavoro disumano, o meglio un’ esperienza lavorativa totalizzante, subisce, come tutti gli altri membri del partito, un altro tipo di violenza: una violenza sulla sua identità. Ogni cosa che possa avere, anche il più labile, legame con il passato deve essere annientato. Ogni documento che possa testimoniare che l’Oceania sia esistita anche in altre epoche non può esistere, deve essere distrutto. In questo consiste il lavoro del "Ministero della Verità": impedire all’uomo di arrestare il flusso continuo del tempo. I libri devono essere continuamente sottoposti ad una capillare censura in modo da controllare che quelli diffondano sempre e soltanto idee a favore del Socing. In caso contrario i testi verranno bruciati o addirittura corretti. Quale destino più umiliante e degradante per un opera d’arte di questo? La maledizione di Winston è che egli, a differenza dei suoi compagni di partito i quali ormai sono completamente assuefatti alla volontà del Grande Fratello, si rende conto che un’alternativa al Partito c’è ma che è pura utopia. Una delle poche cose rimaste intatte e non contaminate dall’ideologia dominante è il fermacarte di cristallo che Winston acquista dalla bottega del signor Charrington. Un oggetto apparentemente insignificante che acquista per il protagonista un forte valore simbolico. Diventa quasi un talismano, un oggetto con poteri soprannaturali che gli farà recuperare episodi e immagini della sua vita passata che avevano subito lo stesso orrendo destino di tutti i documenti: naufragati nel vortice del "tubo ad aria".